Un gruppo di bambini canta insieme.

Hobby per bambini – Il canto

Da “Fra Martino” fino alla versione a cappella della ultima hit del momento - il canto è un’attività sfaccettata, in grado di emozionare i più piccoli e assecondare i gusti di tutti. Se per molti bambini rappresenta un piacevole passatempo per il dopo scuola, sempre più spesso viene scelto dai genitori per gli innumerevoli benefici che ha sullo sviluppo dei loro figli. Nel nostro articolo ti forniamo alcune valide ragioni per cui dovresti proporre il canto come attività extra scolastica per il tuo bambino.

Perché il canto fa bene ai bambini? Benefici ed effetti positivi

Cantare e suonare uno strumento sono hobby consigliati per qualsiasi tipo di bambino. Il canto è un’attività che si può tranquillamente svolgere da soli o in compagnia dei propri genitori, ma può anche trasformarsi in un’occasione per entrare a far parte di un coro vero e proprio. Cantare mantiene alto l’umore e aiuta a tenere sotto controllo preoccupazioni e stress. I bambini che cantano con una certa regolarità sono più stabili emotivamente e possono affrontare con maggiore sicurezza esperienze e momenti di sconforto.[1]

A questo si aggiungono gli effetti positivi sulle loro capacità di concentrazione. Durante le lezioni di canto i bambini imparano a prestare attenzione, a focalizzarsi su compiti precisi, ma allo stesso tempo gli viene richiesto di associare un testo ad una melodia. Questa forma di apprendimento multitasking allena il cervello, la memoria e la percezione del proprio corpo. Il tuo bambino imparerà a coordinare complesse sequenze di movimento, indispensabili per cantare ma non solo. L’apprendimento dei testi delle canzoni sviluppa la memoria e la capacità di ascolto.

I bambini che iniziano a cantare in tenera età presentano meno difficoltà nel parlato, perché hanno già avuto occasione di esercitare in modo mirato l’apparato fonatorio. Il canto guida i bambini anche nell’interpretazione delle emozioni, perché le canzoni con cui entrano solitamente in contatto sono caratterizzate da diverse intonazioni della voce che, a loro volta, esprimono atmosfere e stati d’animo differenti.

CuriositàLa musica migliora il rendimento scolastico. I bambini che frequentano corsi di canto o apprendono uno strumento musicale hanno voti migliori, soprattutto in materie come scienze, matematica e inglese.[2]

CuriositàLa musica migliora il rendimento scolastico. I bambini che frequentano corsi di canto o apprendono uno strumento musicale hanno voti migliori, soprattutto in materie come scienze, matematica e inglese.[2]

A che età avvicinare i bambini al canto?

La musica inizia a far parte della nostra vita quando ancora siamo nel pancione della mamma. Le ninne nanne riescono a calmare i neonati e già a partire dai quattro/cinque mesi i bambini sono in grado di dondolarsi a ritmo di musica.[3] In realtà è sbagliato parlare di “troppo presto” quando si tratta di avvicinare i bambini al mondo della musica. Poco importa se il tuo aspirante cantante non riesce a memorizzare il testo di una canzone o non è in grado di riprodurre le giuste tonalità. Cantare davanti a lui e, con il passare degli anni, insieme a lui vi aiuterà a rafforzare il legame genitore-figlio.

Intorno ai sei/otto mesi i bambini iniziano a dar vita ad una prima forma di canto. Noterai come tuo figlio inizierà ad utilizzare la sua voce per canticchiare o emettere qualche suono a bocca chiusa. Non appena dimostra di riuscire a concentrarsi su un compito per un certo lasso di tempo, puoi iniziare ad insegnargli le prime e vere canzoni. Ogni bambino ha predisposizioni e attitudini diverse, ma in generale i bimbi di quattro/sei anni rispondono positivamente a queste attività. [4]

Se ti rendi conto che tuo figlio ama cantare, allora puoi proporgli di entrare a far parte di un coro di bambini già in età prescolare. Avrà così l’opportunità di fare della musica con i suoi coetanei e di socializzare con bambini che hanno la sua stessa passione. A quest’età gli apprendisti cantanti imparano le canzoni più in voga al momento, svolgono giochi ritmici con gli altri membri e si dedicano ai primi esercizi di tecnica di canto.

Imparare a cantare – Primi esercizi con la mamma.

AttenzioneCantare deve essere un momento di divertimento. Controlla che non si trasformi in un’ossessione o che tuo figlio non sia esposto ad un’eccessiva competizione.

AttenzioneCantare deve essere un momento di divertimento. Controlla che non si trasformi in un’ossessione o che tuo figlio non sia esposto ad un’eccessiva competizione.

A chi rivolgersi e dove iniziare?

Il tuo bambino può cantare ovunque si trovi: a casa, da solo, insieme a te o all’interno di un coro. Qui trovi le principali opportunità che avete a disposizione. Scopri vantaggi e peculiarità di ognuna di loro.

Quando il canto è una passione di famiglia

Cantare insieme ai propri bambini può essere una bella proposta per riempire il tempo libero di tutta la famiglia. Potrete imparare nuove canzoni per bambini, condividere momenti che ricorderete anche col passare del tempo e divertirvi insieme. La musica può anche trasformarsi in un piacevole strumento con cui scandire la routine famigliare. Prova ad accompagnare la sveglia, il pranzo o la messa a letto dei bambini con una canzone, una sorta di sigla che si ripete giorno dopo giorno.

Se non sei sicuro di saper selezionare le canzoni adatte all’età del tuo bambino o non ti senti all’altezza del compito, puoi anche iscrivere tuo figlio ad un corso di canto per bimbi o ad uno dedicato a genitori-figli. Qui potrete imparare canzoni selezionate da esperti del settore e svolgere diversi giochi per imparare il ritmo o, addirittura, accompagnare la musica con semplici balli.

CheckAscoltare la musica insieme rafforza il rapporto genitori-figli. Condividi con il tuo bambino impressioni e sentimenti. Chiedigli quali pezzi lo hanno colpito di più, quali strumenti musicali ha riconosciuto e assicurati che sviluppi fin da subito un rapporto sano ed equilibrato con i media.

CheckAscoltare la musica insieme rafforza il rapporto genitori-figli. Condividi con il tuo bambino impressioni e sentimenti. Chiedigli quali pezzi lo hanno colpito di più, quali strumenti musicali ha riconosciuto e assicurati che sviluppi fin da subito un rapporto sano ed equilibrato con i media.

Cantare in un coro – Sentirsi parte di un gruppo

Suonare e cantare in un gruppo promuove la socializzazione tra bambini e offre ottime occasioni per stringere nuove amicizie. Come membro di un coro il tuo bambino imparerà a condividere esperienze con i suoi coetanei e capirà l’importanza di aiutare i propri compagni in caso di difficoltà. Vengono così allenati anche il senso della disciplina e, nel caso sia previsto l’insegnamento di canzoni in altre lingue, la corretta pronuncia di una lingua straniera.

Cantare in un coro per socializzare e divertirsi.

Se il tuo bambino preferisce cantare in compagnia di amici e coetanei, puoi scegliere tra:

  • Il coro della scuola o dell’asilo
  • Il coro della chiesa
  • Il coro della scuola di musica del luogo dove abiti
  • Associazioni e club che promuovono corsi per il tempo libero, tra cui quelli di musica e canto

Parla apertamente con il tuo bambino e cerca di capire cosa si avvicina di più ai suoi gusti. Alcuni cori preferiscono specializzarsi su alcune tipologie di musica (come ad esempio canzoni gospel o pop) mentre altri rimarcano maggiormente l’aspetto del cantare insieme, senza però la necessità di fare concerti o esibizioni pubbliche. Tra le tante proposte cerca quella che ti sembra più in linea con la personalità di tuo figlio.

Lezioni di canto per bambini - Affidarsi ad un professionista

I bambini che dimostrano fin da piccoli di amare il canto, potrebbero esprimere il desiderio di prendere delle vere e proprie lezioni. Se tuo figlio si dedica già allo studio di uno strumento musicale, potrebbe semplicemente affiancare a queste lezioni delle ore extra dedicate al canto. Se invece vuole limitarsi ad imparare le basi del canto, può rivolgersi ad un maestro privato o frequentare un corso dedicato unicamente a questa disciplina. Durante le lezioni il bambino imparerà a gestire correttamente la sua respirazione e ad utilizzare tutto il corpo come se fosse un vero e proprio strumento musicale. Lo scopo delle lezioni è che i bambini sviluppino la capacità di controllare la loro voce e apprendano le tecniche più importanti. Anche ascolto e intonazione sono protagonisti di questo tipo di attività. I corsi di canto vengono offerti da tutte le scuole di musica, molte bande della città o insegnanti che lavorano come autonomi e spesso offrono lezioni private a casa.

Musical e band di bambini - Spazio alla creatività

Se bambini e adolescenti riescono a intrecciare delle amicizie durante la frequentazione delle lezioni di canto, è probabile che sentano l’esigenza di dare sfogo alla loro creatività. Il lavoro necessario per comporre un pezzo proprio o per interpretare un musical sviluppa il pensiero creativo ed è un’ottima opportunità per mettere in pratica quanto appreso a livello teorico. I bambini apprendono a lavorare insieme e scoprono quanto sia importante saper trovare un compromesso all’interno di un gruppo. Diventano più responsabili e imparano cosa significhi portare a termine un progetto.

Se il tuo bambino desidera far parte di una band o partecipare alla realizzazione di un musical, informati presso la scuola che frequenta o la scuola di musica più vicina a casa. Anche i cori locali sono una fonte inesauribile di proposte per appassionati del settore. Molti istituti e scuole di musica hanno dei gruppi di musical o band fisse che potrebbero rappresentare un buon trampolino di lancio per il tuo bambino. Se invece tuo figlio mostra intraprendenza e desidera fondare una band tutta sua, provate a guardare nelle bacheche presenti nelle scuole di canto o di musica. Qui è facile trovare annunci di bambini che, come tuo figlio, desiderano lanciarsi in questa avventura.

Conclusioni

Cantare è un’attività del tempo libero che riscuote sempre molto successo tra i bambini. Già dai primi mesi di vita, i neonati amano ascoltare la musica e tentano di riprodurre i suoni che riconoscono. Movimenti e primi tentativi di canticchiare qualche motivetto sono un chiaro segnale di interesse per questo mondo. La musica non serve solo ad allenare diverse abilità cognitive, come la memoria e la concentrazione, ma promuove socializzazione e sicurezza in sé stessi. Se il tuo piccolo vuole trasformare questa passione in un hobby vero e proprio, non hai che l’imbarazzo della scelta: dai cori della tua città fino alle scuole di canto per bambini. Cerca l’offerta che fa al caso vostro!

Riferimenti bibliografici:

[1]https://www.famideal.it/blog/2020/01/musica-sviluppo-bambini/
(consultato in data 20.08.2020)

[2]https://scienzaesalute.blogosfere.it/post/589507/chi-studia-musica-va-meglio-anche-a-scuola
(consultato in data 20.08.2020)

[3]https://www.periodofertile.it/bambini/benefici-della-musica-sui-bambini
(consultato in data 20.08.2020)

[4]https://www.bebeblog.it/post/129316/lezioni-di-canto-per-bambini-a-che-eta-iniziare
(consultato in data 20.08.2020)

Immagini tratte da:

iStock.com/skynesher

iStock.com/fizkes

iStock.com/PeopleImages

iStock.com/Highwaystarz-Photography