Due escursionisti armati di equipaggiamento da trekking si avvicinano alla costa.

Attrezzatura da trekking - Cosa mettere nello zaino per un’escursione?

Un’attrezzatura da trekking adeguata e funzionale è indispensabile per potersi godere al massimo la propria avventura in mezzo alla natura, specialmente nel caso di escursioni plurigiornaliere. È importante non solo assicurarsi che gli accessori siano di buona qualità, ma anche controllare il peso totale dell’attrezzatura. Trovare il giusto compromesso tra peso e necessità e portarsi dietro solo l’attrezzatura di cui si ha realmente bisogno è il modo migliore per proteggere la schiena durante l’escursione. In questo articolo ti mostreremo quali accessori da trekking devi assolutamente mettere nel tuo zaino e quali capi d’abbigliamento devi portare con te.

Per aiutarti a preparare lo zaino per le tue prossime avventure escursionistiche, abbiamo creato una checklist con tutto l’occorrente per un’escursione di più giorni. 

La giusta attrezzattura per escursionismo e trekking – Informazioni e consigli

Prima di preparare l’attrezzatura da portare con te e iniziare con i preparativi del tour, devi raccogliere tutte le informazioni necessarie sull’itinerario che intendi percorrere. Informati bene sulle singole tappe e cerca in internet racconti ed esperienze di altri escursionisti. Potrai così avere un’idea più chiara delle condizioni meteorologiche locali e delle possibilità di pernottamento e di rifornimento lungo il tragitto.

Per i principianti delle escursioni a lunga distanza, si consigliano i percorsi che passano nelle vicinanze di rifugi e di punti dove poter acquistare delle provviste. In questo modo potrai risparmiare su alcuni elementi dell’attrezzatura, come tende e utensili da cucina, e concentrarti solo sulla preparazione dell’escursione.

CuriositàL’escursionismo comprende al suo interno diverse discipline, come ad esempio il trekking, le camminate a lunga, media e breve percorrenza. Scopri tutte le differenze e le particolarità nel nostro articolo dedicato ai diversi tipi di escursioni.

CuriositàL’escursionismo comprende al suo interno diverse discipline, come ad esempio il trekking, le camminate a lunga, media e breve percorrenza. Scopri tutte le differenze e le particolarità nel nostro articolo dedicato ai diversi tipi di escursioni.

Per evitare di doversi trascinare dietro uno zaino troppo pesante, soprattutto nel caso di uscite di più giorni, vale la pena investire in prodotti leggeri e di alta qualità, non solo perché più facili da trasportare, ma anche perché possono essere riutilizzati per molti anni. Nelle escursioni più lunghe, il peso dello zaino è un fattore decisivo. Ogni elemento dell’attrezzatura comporta infatti un certo carico, che deve essere trasportato per svariati giorni. Pertanto, è consigliabile controllare il peso totale dell’equipaggiamento prima di partire. Annota il peso di ogni articolo – dai calzini, alle barrette di muesli, fino al materassino. In questo modo saprai esattamente quanto peserà alla fine il tuo zaino una volta chiuso. Lo zaino di un principiante dovrebbe essere attorno ai 10 kg. Con questo carico sulla schiena, le escursioni a lunga distanza saranno piacevoli e non troppo impegnative anche per chi è alle prime armi.

Zaino da trekking – Il fedele compagno di viaggio durante le escursioni

Lo zaino da trekking è uno degli elementi più importanti dell’equipaggiamento di un escursionista. Assicurati quindi che lo zaino calzi bene sulla tua schiena e che sia di buona qualità, in modo che possa sostenere il peso di tutta la tua attrezzatura. Per trovare il modello giusto per te, ti consigliamo di rivolgerti ad un negozio specializzato. Qui avrai la possibilità di provare diversi modelli di zaini da escursionismo e di farli regolare direttamente in base alla tua schiena.

Ecco le caratteristiche principali che il tuo zaino da escursionismo deve avere:

  • Il peso dello zaino non dovrebbe gravare interamente sulle spalle. La cintura dello zaino, larga e imbottita, da allacciare alla vita contribuisce a scaricare parte del peso sui fianchi e alleggerire la schiena e le spalle.
  • Per una corretta distribuzione del peso, assicurati inoltre che lo schienale dello zaino sia della lunghezza giusta, in modo da scaricare parzialmente il peso sui fianchi.
  • Per evitare che la schiena sudi, lo zaino dovrebbe essere dotato di un sistema in grado di garantire una buona areazione. Oltre che essere realizzato con materiali traspiranti, lo zaino da trekking dovrebbe essere munito di una rete antisudore o avere una forma leggermente ricurva, in modo da creare una zona libera tra corpo e zaino che permetta all’aria di circolare.
  • Un altro elemento utile è il coprizaino impermeabile, per proteggere lo zaino in caso di maltempo.
  • Se sei un principiante dei lunghi trekking, per le tue prime escursioni è meglio optare per uno zaino dalla capacità di 30 litri. Se invece desideri portare con te ulteriori accessori da trekking, come la tenda e il kit da cucina, dovresti scegliere uno zaino da 50 litri.

Preparare lo zaino per un’escursione - Consigli per proteggere la schiena

Una volta acquistato lo zaino da escursionismo, è importante sapere anche come prepararlo correttamente e come posizionare gli oggetti al suo interno. Seguendo il giusto metodo, potrai rendere ancora più piacevole la tua escursione e avere sempre a portata di mano gli oggetti più importanti:

  • Gli elementi molto leggeri, come il piumino o il sacco a pelo, vanno posizionati sul fondo dello zaino.
  • Gli oggetti più pesanti vanno messi vicino alla schiena.
  • È meglio posizionare i vestiti e gli articoli di peso medio nella zona centrale dello zaino, preferibilmente verso l’esterno.
  • Assicurati di porre l’abbigliamento contro la pioggia in cima allo zaino, in modo che sia facilmente accessibile in caso di un improvviso cambiamento del tempo.
  • Puoi conservare gli oggetti più piccoli, che altrimenti rischiano di andare dispersi nello zaino, nella tasca superiore.
  • Borracce, bottiglie d’acqua o bastoncini da trekking vanno nelle tasche laterali dello zaino.
  • Borse e sacchetti impermeabili non comportano nessun peso aggiuntivo e aiutano a tenere in ordine le attrezzature.

Questi accorgimenti ti permetteranno di distribuire il peso in maniera ottimale e di mantenere un perfetto equilibrio mentre cammini.

Primo piano delle gambe di un’escursionista che indossa gli scarponi da escursionismo.

Abbigliamento da trekking – Prepararsi ad ogni condizione climatica

Come per molti altri sport - ad esempio la corsa e il jogging - anche nell’abbigliamento da trekking puoi affidarti al principio della cipolla. Questo significa che dovresti combinare diversi strati sottili di indumenti, che contribuiscono a tenere il tuo corpo al caldo e all’asciutto, e che possono essere facilmente tolti a seconda delle necessità. Potrai così adattare con estrema flessibilità il tuo abbigliamento alle condizioni meteorologiche.

Per ottenere la massima protezione dal freddo e dall’umidità si consiglia di osservare le seguenti regole per un corretto sistema di stratificazione dell’abbigliamento:

  1. Strato di base (base-layer): lo strato interno consiste in una maglia funzionale traspirante, in grado di assorbire il calore.
  2. Strato isolante (mid-layer): per lo strato intermedio, la cui funzione è isolare termicamente il corpo dall’esterno e regolare il calore, vanno bene un pile o un piumino leggero.
  3. Strato di protezione dalle intemperie (shell-layer): lo strato esterno ha il compito di proteggere dal vento e dalla pioggia. A seconda delle condizioni meteorologiche, giacca e pantaloni impermeabili e antivento sono essenziali.

Per vestirti a cipolla, o a strati, avrai quindi bisogno dei seguenti indumenti:

  • Biancheria comoda
  • Maglia a maniche lunghe
  • Pantaloni da trekking
  • Calzini da trekking
  • Giacca leggera in pile
  • Pullover (a seconda della temperatura)
  • Piumino
  • Giacca e pantaloni impermeabili

Per quanto riguarda lo strato di base, le t-shirt in lana (merino) sono le più adatte: assorbono bene il sudore e gli odori e si asciugano rapidamente. Sono quindi perfette per le escursioni a lunga percorrenza. Controlla tuttavia che la lana provenga da allevamenti biologici certificati.

Per evitare che gli indumenti si bagnino durante l’escursione, puoi anche confezionarli in sacchetti di plastica o nelle dry bag. I tuoi vestiti rimarranno così puliti e asciutti, anche nel caso in cui tu venga sorpreso da un acquazzone. Potrai inoltre conservare i capi bagnati in modo sicuro fino a quando non avrai la possibilità di farli asciugare.

CheckAnche nelle stagioni più calde, sarebbe meglio optare per maglie a maniche lunghe e pantaloni funzionali lunghi per proteggersi adeguatamente dal sole. Nel tuo zaino, inoltre, non deve mancare un copricapo adatto alla stagione. Trovi ulteriori consigli su questo tema nel nostro articolo “Protezione solare per sportivi”.

CheckAnche nelle stagioni più calde, sarebbe meglio optare per maglie a maniche lunghe e pantaloni funzionali lunghi per proteggersi adeguatamente dal sole. Nel tuo zaino, inoltre, non deve mancare un copricapo adatto alla stagione. Trovi ulteriori consigli su questo tema nel nostro articolo “Protezione solare per sportivi”.

Come scegliere gli scarponi da trekking?

Dal momento che ogni giorno trascorrerai diverse ore a camminare, i tuoi piedi meritano di essere adeguatamente protetti. Pertanto, è importante che gli scarponi da trekking siano adatti al tuo piede e all’escursione che stai pianificando. Come per lo zaino da escursionismo, anche in questo caso è preferibile chiedere informazioni e consigli presso un negozio specializzato, dove potrai provare gli scarponi di persona.

Gli scarponcini perfetti per le tue escursioni offrono un’ammortizzazione ottimale anche su terreni impervi e conferiscono maggiore stabilità alle caviglie. In questo modo ti proteggeranno da eventuali distorsioni e ti garantiranno un passo sicuro. Gli scarponi da escursionismo sono inoltre dotati di uno strato impermeabile per proteggere i piedi dall’umidità. Dal momento che questo materiale si consuma nel tempo, è opportuno rinnovare lo strato protettivo a intervalli regolari con dei prodotti appositi. 

Una volta trovati gli scarponi da trekking che fanno al caso tuo, è necessario fare un adeguato rodaggio prima di partire per una lunga escursione. Cerca quindi di indossarli il più possibile per abituare i tuoi piedi ai nuovi scarponcini e scongiurare la comparsa di vesciche.

Trekking plurigiornaliero – Attrezzatura per dormire all’aperto

Se stai pianificando un trekking plurigiornaliero, hai bisogno di ulteriori accessori per trascorrere le tue notti a cielo aperto. Dovrai quindi procurarti una tenda robusta e l’occorrente per cucinare. Per poter dormire comodamente e non congelare durante la notte, sono necessari anche un materassino isolante e un sacco a pelo. Tieni presente i seguenti aspetti mentre prepari la tua attrezzatura da trekking:

  • Un buon materassino isolante ti protegge dal freddo del suolo. Quando siamo sdraiati a terra, l’imbottitura del sacco a pelo viene schiacciata dal nostro peso, perdendo gran parte della sua capacità di trattenere il calore. È dunque fondamentale portare con sé un materassino dalla funzione isolante.
  • Il sacco a pelo deve essere adatto alla tua meta escursionistica. Per le escursioni in Europa centrale, ti consigliamo i sacchi a pelo in grado di tenere caldo in maniera ottimale anche a temperature sotto lo zero. I sacchi a pelo a 3 stagioni sono adatti per temperature da -10 a 0 °C. Per i tour nelle regioni più fredde è necessario un sacco a pelo invernale.
  • Esistono diversi modelli di tenda tra cui scegliere. Le tende a tunnel e a cupola sono le più utilizzate per le escursioni. Le tende a cupola sono perfette per qualsiasi tipo di terreno in quanto sono autoportanti e non necessitano di essere ancorate. Le tende a tunnel, invece, hanno bisogno di essere fissate al terreno, ma sono più leggere e più spaziose.

Provviste per il trekking – Cibi e bevande da portare con sé

Un gruppo di escursionisti si ferma a mangiare delle provviste contenute in una scatola di metallo.

Uno degli aspetti più importanti a cui pensare quando si organizza un’escursione plurigiornaliera è l’alimentazione. Il tuo corpo ha infatti bisogno di molta energia per poter raggiungere ogni tappa del tuo percorso ed è quindi importante avere a disposizione cibo e bevande a sufficienza. Se hai deciso di preparare tu stesso il cibo durante l’escursione, devi puntare su una dieta ricca di carboidrati, una delle migliori fonti di energia. Devi inoltre tenere presente che le provviste dovrebbero essere il più possibile leggere, per non appesantire ulteriormente lo zaino. Qui di seguito ti diamo alcuni consigli sugli alimenti più adatti da portare con sé per un’escursione:

  • Le barrette energetiche e la frutta secca sono ideali come spuntino tra un pasto e l’altro e danno molta energia.
  • I pasti liofilizzati sono facili da trasportare e semplici da preparare.
  • Se invece vuoi cucinare, la polenta e il riso sono degli ottimi cibi da portare con te.
  • Per la colazione, i cereali confezionati in porzioni sono una buona scelta.

Puoi trovare ulteriori suggerimenti e persino ricette pensate appositamente per l’escursionismo su blog e forum in internet.

AttenzionePianifica sempre almeno un pasto in più in caso di ritardi nella tabella di marcia. In questo modo sei sicuro di essere preparato nell’eventualità in cui non dovessi procedere con la velocità prevista.

AttenzionePianifica sempre almeno un pasto in più in caso di ritardi nella tabella di marcia. In questo modo sei sicuro di essere preparato nell’eventualità in cui non dovessi procedere con la velocità prevista.

Oltre alle provviste di cibo, devi assicurarti di avere sempre a portata di mano acqua a sufficienza. Verifica prima di tutto la disponibilità di fonti di acqua potabile lungo il percorso o valuta se è necessario accumulare delle scorte per determinati tratti. Se stai facendo un’escursione senza possibilità di fare acquisti o di fermarti per fare rifornimento, le pastiglie e i filtri per purificare l’acqua ti aiuteranno ad avere sempre con te una riserva d’acqua potabile.

Must have e accessori aggiuntivi per il trekking

Per essere sicuro che non ti manchi proprio nulla, specialmente durante le escursioni di più giorni, ci sono altri accessori utili che puoi portare con te. Alcuni sono progettati per garantire una maggiore sicurezza, altri per fornire un po’ più di comfort.

  • Utilizza del sapone biodegradabile. Particolarmente adatti sono i saponi naturali solidi a base di oli vegetali. Fai comunque attenzione che il sapone non finisca nei fiumi o nei laghi: prendi un po’ d’acqua, insaponati sulla riva e lascia che l’acqua e la schiuma penetrino nel terreno. È possibile sostituire il detersivo da viaggio con del sapone in scaglie.
  • Scegli alternative senza plastica ed ecologiche per lo spazzolino da denti e il dentifricio. Una buona opzione sono gli spazzolini in bambù o in legno. Per il dentifricio, puoi acquistare prodotti naturali ecologici o il dentifricio in tavolette.
  • Gli asciugamani in microfibra sono leggeri, molto assorbenti e si asciugano rapidamente.
  • Un robusto ombrello da trekking è utile per proteggersi in caso di improvvisi cambiamenti meteorologici. Questi ombrelli sono particolarmente resistenti, leggeri e facili da trasportare con dei moschettoni o sui passanti della cintura.
  • Un kit di pronto soccorso con bende e medicine personali è un elemento irrinunciabile per ogni escursionista. Puoi anche portare un fischietto per le emergenze.
  • Nei trekking più lunghi o a causa di qualche imprevisto, può capitare di dover camminare al crepuscolo o di notte. Per vedere meglio il terreno davanti a te, può tornarti utile avere una torcia.

Una raccomandazione generale per la scelta dell’attrezzatura da trekking è quella di cercare prodotti che siano il più possibile sostenibili e rispettosi dell’ambiente. Prediligi le attrezzature riutilizzabili e cerca di evitare la plastica, ad esempio utilizzando delle borracce per l’acqua e dei contenitori di metallo per il pranzo. Ricordati di portare anche un sacchetto per la spazzatura per poter trasportare i rifiuti fino al bidone più vicino.

Conclusioni

Funzionalità e comfort sono le parole chiave che ti devono guidare nella scelta del giusto equipaggiamento per il trekking: un’attrezzatura leggera, ma robusta e di alta qualità ti accompagnerà nelle tue escursioni per molti anni. Prima di acquistare lo zaino e gli scarponi da trekking, dovresti chiedere consiglio a un negozio specializzato, in modo da scegliere l’attrezzatura da escursionismo più comoda e più adatta alla tua schiena e ai tuoi piedi. Seguendo la giusta tecnica puoi inoltre riporre in modo pratico e intelligente tutto l’occorrente nello zaino per il tuo tour, risparmiando spazio e distribuendo il peso in modo ottimale. Non ti resta che preparare lo zaino e metterti in marcia!

Riferimenti biliografici:

https://outdoortest.it/come-organizzare-un-trekking-di-piu-giorni/
(visualizzato in data 07.01.2021)

https://www.trekking.it/abbigliamento-e-attrezzature/zaini-la-scelta-giusta-suggerimenti-consigli/
(visualizzato in data 07.01.2021)

https://www.caitreviglio.it/itinerari/1723-cosa-e-come-riempire-lo-zaino
(visualizzato in data 07.01.2021)

https://www.trekking.it/i-nostri-consigli/trekking-bivacco-tenda-sacco-pelo-fornelletto-materassino-cosa-portare/
(visualizzato in data 07.01.2021)

https://www.amicidivaligia.com/consigli-utili/cosa-mettere-nello-zaino-da-trekking/
(visualizzato in data 07.01.2021)

Immagini tratte da:

iStock.com/pixdeluxe

iStock.com/Everste

iStock.com/swissmediavision

iStock.com/knape