Proteggere l’ambiente: due braccia stringono un tronco d’albero.

Sport outdoor e tutela dell’ambiente - Proteggere la natura durante le attività all’aperto

Escursioni tra sentieri boschivi, tour in mountain bike tra stradine scoscese, arrampicate e bouldering in montagna – la natura è una vera oasi di pace e benessere, indispensabile per spezzare i ritmi frenetici della vita quotidiana.

I boschi, i prati e i laghi, tuttavia, non sono soltanto dei piccoli angoli di paradiso per noi esseri umani, ma sono soprattutto l’habitat di numerosissime specie di piante e animali. Per non sbilanciare il delicato equilibrio degli ecosistemi, è importante proteggere la natura e trattare con la massima cura il mondo animale e vegetale. In questa guida troverai tutti i consigli e le regole da seguire per mantenere un comportamento pienamente rispettoso dell’ambiente che ci circonda.

Come divertirsi nel rispetto dell’ambiente

Prima di intraprendere un’escursione a piedi, in bici o un’arrampicata, è importante conoscere le leggi e le regole locali. Ciò che è permesso o proibito fare all’aria aperta potrebbe infatti variare da una regione a un’altra. Informati quindi su eventuali restrizioni o divieti in vigore nella destinazione da te scelta per non incorrere in incidenti o sanzioni.

Viaggiare in modo sostenibile – Quali sono le migliori opzioni per raggiungere la destinazione?

Prima di avventurarti in un’escursione a piedi, in mountain bike, in campeggio o un’arrampicata, devi raggiungere il punto di partenza. Un comportamento rispettoso della natura inizia già con la scelta del mezzo di trasporto per raggiungere la tua meta. Per ridurre la propria impronta ecologica, si consiglia di evitare di viaggiare in aereo o in auto e di prediligere gli spostamenti in bici o a piedi. Tuttavia, se la tua meta è particolarmente distante, i trasporti pubblici come autobus e treni sono un’ottima alternativa.

È consentito parcheggiare nella foresta?

Non sempre è possibile viaggiare senza utilizzare l’auto. In questo caso, una volta raggiunto il bosco dove farai la tua escursione, devi fare attenzione a dove parcheggiare. Ecco alcuni consigli:

  • Parcheggia la tua auto nell’area apposita.
  • La guida nei sentieri boschivi è generalmente consentita solo alle persone autorizzate, come gli agricoltori, i forestali o i cacciatori.
  • Il parcheggio non autorizzato nella foresta potrebbe portare, nel peggiore dei casi, a incendi boschivi dovuti al surriscaldamento delle marmitte catalitiche. I veicoli potrebbero inoltre danneggiare il suolo, la sua fertilità, il bilancio idrico o bloccare l’accesso ai veicoli forestali.

Escursioni a piedi nella foresta - Come comportarsi?

Nei boschi è permesso camminare anche fuori dai sentieri battuti. Tuttavia, si dovrebbe procedere prestando massima attenzione a non danneggiare le piante o disturbare gli animali. Nel caso di zone particolarmente delicate o aree protette, invece, non è possibile allontanarsi dai sentieri segnalati. Questo accade, ad esempio, nelle riserve naturali, nelle zone dove crescono colture protette, nelle aree a rischio erosione e disboscamento o nelle aree di caccia.

Campeggio libero in Italia – Dove è consentito?

Per molti escursionisti, scalatori o semplicemente per gli amanti della foresta, passare la notte sotto le stelle è veramente un sogno. Alcuni tipi di attività escursionistiche, come il trekking, prevedono il pernottamento al di fuori di rifugi e hotel. Il campeggio e il caravanning (cioè la sosta in caravan) non sono però sempre permessi:

  • I bivacchi sono generalmente consentiti. Alcuni Comuni lo consentono previa richiesta indicando il numero di partecipanti e la zona. In alcune regioni, i bivacchi sono permessi solo nelle aree apposite o nei campeggi autorizzati.
  • I campeggi in tenda o in caravan sono permessi solo nelle aree designate, se previste, o in aree libere solo temporaneamente e previa autorizzazione.
  • In Italia sono stati designati circa 54.000 ettari di “Aree Wilderness”, ovvero aree di conservazione in cui è permessa la sosta alla condizione che rimangano incontaminate e si mantenga lo stato di conservazione allo stato naturale.

Per non incorrere in sanzioni e non rischiare di danneggiare l’ambiente circostante, pianifica il tuo campeggio in anticipo e informati presso le autorità locali o gli uffici competenti se camping, bivacchi o caravanning siano consentiti.

Attività outdoor e salvaguardia ambientale – Un escursionista rimane su un sentiero segnalato.
Salvaguardia dell’ambiente – Un escursionista raccoglie in un sacchetto la spazzatura lasciata per terra.
Rispetto della natura – Un uomo tiene il cane al guinzaglio.
Come comportarsi nella foresta – Il proprietario non lascia il proprio cane libero tra i sentieri.

Raccogliere piante, legna e funghi nel bosco – Cosa è permesso?

Una passeggiata nel bosco può riservare molte gustose sorprese. Lungo prati e sentieri è possibile infatti trovare tanti frutti coloratissimi che invogliano gli escursionisti a raccoglierli. Ma a quali condizioni è consentita la raccolta di piante, funghi o legna secondo la legge sulla protezione della natura?

  • È possibile raccogliere le piante in piccole quantità e solo se consentito dalle norme locali. Le bacche, le noci e le erbe possono essere raccolte per uso personale. Per quanto riguarda i funghi, può essere raccolta una quantità giornaliera massima di 3 kg e solo se provvisti di tesserino.
  • Per la raccolta di funghi e piante in grandi quantità è necessario un permesso ufficiale.
  • Il divieto assoluto di raccolta si applica alle specie di piante protette, come per esempio il bucaneve, la genziana, la campanula e il ciclamino. Questi non possono essere né tagliati, né raccolti in piccole quantità.
  • Anche molte specie di funghi autoctoni sono protette, come alcuni tipi di porcini, prugnoli o gallinacci. Altri possono essere raccolti in piccole quantità ed esclusivamente per uso privato.
  • Nelle riserve naturali o nei parchi nazionali è assolutamente vietata la raccolta di piante e funghi.

Fai attenzione: per tagliare alberi e rami nel bosco per uso familiare e domestico è necessario richiedere un’autorizzazione. Ricorda però che i tagli apportarti potrebbero causare l’infestazione dell’albero da parte di agenti patogeni in grado di danneggiarlo in modo permanente. È inoltre consentito raccogliere una piccola quantità di ramaglie e legna secca da terra per uso personale. Se si desidera prelevare maggiori quantità di legna da ardere dalla foresta, è necessario richiedere alle guardie forestali un permesso di raccolta. Chiedi maggiori informazioni agli uffici competenti del tuo Comune o della tua regione o informati presso un ufficio forestale locale.

SuggerimentoPer alcune piante la raccolta è assolutamente vietata, mentre per altre si può prelevare solo una certa quantità. Per esempio, per i germogli di luppolo, l’asparago selvatico e il tamaro è permessa la raccolta di un chilogrammo al giorno a persona. Per altre piante, come per esempio gli stringoli, l’ortica e il sambuco, si possono raccogliere fino a tre chilogrammi a testa. Le regole potrebbero cambiare da regione in regione, perciò informati o richiedi un permesso presso l’ufficio di competenza.

SuggerimentoPer alcune piante la raccolta è assolutamente vietata, mentre per altre si può prelevare solo una certa quantità. Per esempio, per i germogli di luppolo, l’asparago selvatico e il tamaro è permessa la raccolta di un chilogrammo al giorno a persona. Per altre piante, come per esempio gli stringoli, l’ortica e il sambuco, si possono raccogliere fino a tre chilogrammi a testa. Le regole potrebbero cambiare da regione in regione, perciò informati o richiedi un permesso presso l’ufficio di competenza.

Rispettare la foresta e gli animali selvatici

Quando ci si addentra nella natura, bisogna tenere a mente che si sta entrando nella dimora di numerosissimi animali. Pertanto, è importante muoversi con calma e cautela, per evitare che il nostro comportamento possa in qualche modo disturbare o causare stress agli animali selvatici. Rumori troppo forti o movimenti imprudenti possono spaventare gli animali o distruggere i loro ripari. Meglio evitare anche campi e prati popolati da una grande quantità di vegetazione e boscaglie. Durante i picnic, è consigliabile fare attenzione a formicai, nidi o piccole tane e, se necessario, cercare un nuovo posto dove sostare.  

Un maggiore attenzione verso l’ambiente circostante è richiesta quando si è in compagnia di un amico a quattro zampe. Il tuo cane dovrebbe essere tenuto sempre al guinzaglio, anche se pensi di avere tutto sotto controllo: un animale in fuga potrebbe infatti attirare la sua attenzione e innescare un inseguimento indesiderato. Informati inoltre sulle normative locali in merito all’obbligo del guinzaglio.

AttenzioneIn alcuni periodi dell’anno, ovvero durante la stagione di incubazione e allevamento che va da aprile e a giugno, così come in inverno, bisogna avere una maggiore accortezza. Durante questo periodo, molti animali sono particolarmente sensibili e spesso più aggressivi a causa dei loro istinti protettivi nei confronti dei loro cuccioli.

AttenzioneIn alcuni periodi dell’anno, ovvero durante la stagione di incubazione e allevamento che va da aprile e a giugno, così come in inverno, bisogna avere una maggiore accortezza. Durante questo periodo, molti animali sono particolarmente sensibili e spesso più aggressivi a causa dei loro istinti protettivi nei confronti dei loro cuccioli.

Falò e barbecue – È permesso accendere un fuoco all’aperto?

Fare un barbecue nella natura durante i mesi estivi è un passatempo molto amato e popolare, ma al contempo molto pericoloso per l’ambiente. Per divertirsi in compagnia e al tempo stesso tutelare la natura, è fondamentale prestare molta attenzione, soprattutto nella foresta. I falò e i barbecue sono consentiti solo nelle aree forestali designate. In Italia, è severamente vietato accendere falò in aree in cui vi sia vegetazione, sterpaglia o in aree boschive.

Chiunque desideri accendere un fuoco nelle aree designate ha comunque bisogno del permesso da parte del personale autorizzato. Al di fuori delle foreste o nelle spiagge, si può invece accendere un falò se si è distanti da aree verdi o a rischio. In tutti i casi, è necessario controllare quali sono le regole locali ed eventualmente chiedere un’autorizzazione all’amministrazione locale.

Escursioni e tutela dell’ambiente - Padre e figlio accendono un fuoco.

Raccogliere e riciclare i rifiuti

L’aumento dell’inquinamento non è soltanto un fenomeno spiacevole per l’uomo, ma rappresenta un vero e proprio pericolo per la vita di animali e piante. Gli animali selvatici potrebbero rimanere impigliati in corde di plastica o incastrare la loro testa nelle lattine lasciate in giro. Per salvaguardare la fauna selvatica, è necessario che tutti gli amanti della natura si assumano le proprie responsabilità e non disperdano rifiuti nell’ambiente. Ecco alcuni suggerimenti per ridurre o evitare completamente i rifiuti:

  • Utilizzare borracce e bottiglie riutilizzabili
  • Acquistare frutta e verdura non confezionata
  • Servirsi di contenitori porta vivande o imballaggi riutilizzabili
  • Usare sacchetti di stoffa piuttosto che di plastica
  • Per i tuoi dispositivi elettronici prediligi batterie ricaricabili invece delle batterie monouso
  • Utilizzare biglietti di viaggio elettronici

Purtroppo, non è sempre possibile evitare di produrre spazzatura. Questo non significa comunque che hai un buon motivo per lasciare i rifiuti nell’ambiente. Indipendentemente da quanto sia pieno il tuo zaino, c’è sempre spazio per un sacchetto della spazzatura vuoto. Avrai così sempre a portata di mano un sacchetto per buttare i tuoi rifiuti nel cestino della spazzatura più vicino a te.

CheckLa pesca nei laghi o nei fiumi è consentita solo con una licenza di pesca valida. Lo stesso vale quando si pesca nella foresta. È necessario, infatti, richiedere un tesserino sul sito del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf). È importante stampare e portare con sé l’autorizzazione per non incorrere in sanzioni. Puoi trovare maggiori informazioni anche presso le associazioni, i club di pesca locali o sul sito del Mipaaf.

CheckLa pesca nei laghi o nei fiumi è consentita solo con una licenza di pesca valida. Lo stesso vale quando si pesca nella foresta. È necessario, infatti, richiedere un tesserino sul sito del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf). È importante stampare e portare con sé l’autorizzazione per non incorrere in sanzioni. Puoi trovare maggiori informazioni anche presso le associazioni, i club di pesca locali o sul sito del Mipaaf.

Comportamento responsabile durante la pratica degli sport outdoor

La natura non è solo un paradiso di pace e relax, ma offre anche numerose opportunità per praticare sport all’aria aperta. Gli alberi sono spesso una tentazione per arrampicarsi, tanto per i bambini quanto per gli adulti. Quest’attività però non è sempre consentita e in alcuni casi può essere addirittura pericolosa. Informati quindi sulle norme regionali e presta attenzione ai cartelli di divieto. È sempre possibile dare sfogo alle proprie energie in un’area apposita o nei parchi avventura. In questo modo, non metterai a rischio te stesso e gli abitanti della foresta.

Consigli per un’arrampicata nel rispetto della natura

Anche se a prima vista danno l’impressione di essere un ambiente ostile per la vegetazione, le rocce sono in realtà un habitat essenziale per molti animali o specie di piante rare. L’asplenium e le drabe sono solo alcuni esempi di vegetazione che cresce tra le fessure delle rocce. Pipistrelli, ghiri, lucertole e falchi pellegrini, inoltre, vi allevano i propri cuccioli. Per questo motivo, è bene informarsi sempre sulle norme locali per l’arrampicata. In questo modo, eviterai di interferire con la flora e la fauna del luogo e lascerai intatti gli ecosistemi.

Rispettare gli animali del bosco - Tre piccoli corvi nel loro nido su una roccia.

Per tutelare te stesso e l’ambiente naturale in cui stai per avventurarti, tieni sempre a mente le seguenti regole mentre pratichi il tuo sport preferito all’aria aperta:

  1. Campeggia solo nelle aree attrezzate.
  2. Parcheggia l’automobile facendo attenzione a non danneggiare i prati.
  3. Resta sempre sui percorsi segnalati.
  4. Rispetta la vegetazione in ogni sua forma.
  5. Rispetta la fauna selvatica.
  6. Non lasciare tracce e rifiuti dietro di te.
  7. Fai particolare attenzione alla stagione riproduttiva, in quanto in questi periodi le rocce potrebbero essere chiuse.
  8. Abbi cura di tutti gli esseri viventi sulle rocce. Non asportare i muschi e licheni, poiché garantiscono la vita ad altri organismi.
  9. Se sei con il tuo amico a quattro zampe, tienilo sempre al guinzaglio.
  10. Trasmetti queste regole ad altri.

In ogni zona di arrampicata e in ogni località di montagna vigono regole diverse. Informati in anticipo sui rispettivi regolamenti e sulla difficoltà di arrampicata. Il modo migliore per scoprirlo è attraverso:

  • I pannelli informativi in loco
  • Le guide alpine e le associazioni del posto
  • I siti internet come www.falesia.it

Durante l’arrampicata, fai particolarmente attenzione ai nidi degli uccelli. Il corvo, il falco pellegrino e il gufo reale sono noti per nidificare nelle rocce. Anche in questo caso, è bene informarsi sulle regole forestali locali per controllare i periodi di nidificazione e fare attenzione che non ci siano cartelli di divieto di accesso. 

Regole per rispettare l’ambiente in mountain bike

Il brivido dell’avventura su due ruote tra sentieri scoscesi e pietrosi ha reso la mountain bike un’attività outdoor molto gettonata. L’International Mountain Biking Association (IMBA) ha stabilito sei semplici regole da tenere a mente durante le escursioni tra i sentieri:

  1. Percorri sentieri aperti e rispetta i divieti di accesso. Se necessario, richiedi un permesso per accedere ai sentieri.
  2. Non lasciare tracce: resta sui sentieri esistenti e non crearne di nuovi e porta sempre con te gli eventuali rifiuti.
  3. Guida con prudenza: regola la tua velocità in modo da avere sempre il controllo della tua bici.
  4. Dai la precedenza ai pedoni: rispetta gli altri utenti del sentiero, rallenta o fermati quando c’è scarsa visibilità.
  5. Non spaventare gli animali: evita movimenti improvvisi o rumori forti.
  6. Pianifica le tue uscite: prepara l’attrezzatura, gli indumenti protettivi in caso di condizioni meteo avverse e un kit per le emergenze.

Conclusioni

Avere cura dell’ambiente che ti circonda non è così difficile: bastano poche semplici azioni per proteggere in modo significativo la natura. Con qualche piccolo sforzo e un po’ di pianificazione in più, è possibile evitare di produrre e lasciare rifiuti nel bosco e preservare la natura, un luogo così prezioso tanto per gli esseri viventi che vi abitano, quanto per le persone che vi passeggiano. Mantenendo un comportamento corretto e responsabile puoi proteggere l’habitat di numerosi animali e piante selvatiche e fare in modo che la foresta resti un’oasi di benessere per l’uomo. È solo contribuendo alla tutela dell’ambiente che potrai godere delle bellezze che la natura offre.  

Riferimenti bibliografici:

https://camminiditalia.org/2020/05/20/campeggio-e-bivacco-libero/
(consultato in data 05.01.2021)

https://www.wilderness.it/sito/aree-wilderness/
(consultato in data 05.01.2021)

https://www.proiezionidiborsa.it/regole-e-consigli-per-la-raccolta-dei-funghi/
(consultato in data 05.01.2021)

https://www.supereva.it/fiori-di-montagna-attenti-a-quelli-protetti-non-potete-raccoglierli-6844
(consultato in data 05.01.2021)

https://www.gazzettaufficiale.it/atto/regioni/caricaArticolo?art.progressivo=0&art.idArticolo=20&art.versione=1&art.codiceRedazionale=008R0256&art.dataPubblicazioneGazzetta=2008-06-14&art.idGruppo=3&art.idSottoArticolo=1
(consultato in data 05.01.2021)

https://www.soloecologia.it/24102013/raccogliere-legna-nei-boschi-pubblici-e-reato/6333
(consultato in data 05.01.2021)

https://www.girofvg.com/dal-corpo-forestale-le-regole-per-la-raccolta-di-piante-commestibili/
(consultato in data 05.01.2021)

https://www.laleggepertutti.it/130199_fare-un-falo-e-legale
(consultato in data 05.01.2021)

https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/190
(consultato in data 05.01.2021)

http://www.pngp.it/sites/default/files/allegati/codice_etico.pdf
(consultato in data 05.01.2021)

https://www.imba-italia.org/educazione/le-regole-del-sentiero/
(consultato in data 05.01.2021)

Immagini tratte da:

iStock.com/BrianAJackson

iStock.com/piola666

iStock.com/Solovyova

iStock.com/WilliamSherman