shop.global.1
Consegna gratuita per ordini maggiori a 75€
Selezionare il programma corretto quando si fa il bucato

Programmi di lavaggio e detersivi: come fare la lavatrice in modo corretto

Rispettare sempre le regole e le indicazioni fornite dai simboli presenti sulle etichette degli indumenti è sicuramente un ottimo punto di partenza, ma non garantisce necessariamente un bucato perfetto. Le lavatrici di ultimo modello dispongono ormai di un’ampia gamma di programmi per lavare e trattare i tessuti mantenendone intatta la qualità. Come fare però per trovare il programma giusto per ogni tessuto? E qual è il detersivo più adatto da utilizzare a seconda del capo?

In questo articolo ti presenteremo i programmi di lavaggio più diffusi e presenti sulla maggior parte delle lavatrici, e ti consiglieremo quelli da utilizzare in base alle diverse tipologie di tessuti. Ti forniremo anche qualche consiglio per orientarti nella giungla dei prodotti per il lavaggio in lavatrice. Tra detersivi in polvere o liquidi, per capi delicati e colorati, con o senza ammorbidente – questa è una guida passo dopo passo alla scelta del prodotto più adatto per il tuo bucato.

 

Una panoramica sui principali programmi della lavatrice

La lavatrice senza dubbio facilita e velocizza il lavaggio e la cura degli indumenti e dei prodotti tessili in generale. I nuovi modelli mettono di solito a disposizione un'ampia scelta di programmi per lavare quasi tutti i tipi di tessuti, stoffe e fibre. Viene quindi spontaneo chiedersi se tutti questi programmi siano davvero necessari per il bucato di tutti i giorni.

In generale bisogna tenere a mente che ogni programma si suddivide in tre diverse fasi. Per prima cosa i capi vengono lavati, quindi risciacquati e, per finire, centrifugati. I singoli programmi per il lavaggio si differenziano fondamentalmente per la durata della fase di lavaggio, la temperatura dell'acqua, il carico massimo consigliato e la velocità di rotazione del cestello.[1]

 

I programmi standard della lavatrice

Alcuni programmi si trovano praticamente su tutti i modelli di lavatrice, indipendentemente dall’azienda produttrice. Si tratta dei cosiddetti programmi standard. Il primo passo per avere un bucato perfetto è imparare ad interpretare correttamente le indicazioni che si trovano sulla lavatrice.

 

Prelavaggio

Se i vestiti che vuoi lavare sono particolarmente sporchi, è consigliabile effettuare un prelavaggio. Questa fase preliminare consiste nel mettere in ammollo il bucato ed eliminare così il grosso dello sporco. Ricorda che per il prelavaggio serve solo un quarto del detersivo impiegato di solito per gli altri programmi. Per la maggior parte delle lavatrici, il prelavaggio può essere combinato direttamente con altri programmi standard, come il lavaggio dei colorati o quello a 90°, ma anche con i programmi per i delicati e la seta. Il programma di prelavaggio è adatto anche per tessuti di grandi dimensioni, come tende e tendaggi.

 

Programma per i colorati

Come dice il nome, questo programma è specifico per i tessuti colorati, in particolar modo per gli abiti di uso quotidiano e che, inevitabilmente, si accumulano giorno dopo giorno nel cesto dei panni sporchi. Per evitare che questi capi perdano colore, è consigliabile lavare i colorati ad una temperatura massima di 60 gradi.

 

Programma per il lavaggio a 90°

Questo programma è indicato in particolare per i tessuti poco sensibili alle alte temperature, come il cotone. Grazie all'elevata temperatura (che può arrivare anche a 95 gradi), è possibile eliminare la maggior parte dei germi e dei batteri dai tessuti e ottenere così un bianco perfetto. Ti consigliamo però di limitare l’uso di questo programma al lavaggio di indumenti per bambini, asciugamani, lenzuola di cotone o abiti da lavoro.

 

Programma per i tessuti sintetici

Con il termine "sintetico" ci si riferisce a tutte le fibre artificiali, come il nylon, il poliestere o i tessuti misti. Questo programma raggiunge di solito una temperatura massima di 60 gradi ed è l'ideale per lavare camicie e camicette che si usano per l’abbigliamento di tutti i giorni. Per evitare che questi capi si sgualciscano dopo il lavaggio, non riempire completamente il cestello della lavatrice, ma caricalo solo a metà, in modo che il numero di giri della centrifuga sia il più basso possibile.

Alcuni programmi di lavaggio sono presenti sulla maggior parte delle lavatrici

Programma per i delicati

Il programma per i delicati è adatto alle fibre più sensibili, come seta, satin o pizzo. Per proteggere la qualità di questi tessuti è importante selezionare un programma di lavaggio a bassa temperatura (massimo 40 gradi), lavare con molta acqua e avere alla fine un numero di giri di centrifuga ridotto. Per questo motivo, ricorda di non caricare eccessivamente la lavatrice.

 

Programmi per la lana e lavaggio a mano

Prima di mettere il tuo amato maglione di lana nel cestello della lavatrice, controlla sempre che abbia il simbolo "pura lana vergine" sull’etichetta. Solo se è presente questo simbolo puoi lavare il maglione con il programma lana. Non tutte le lavatrici hanno in dotazione un programma specifico per la lana e, in alternativa, è consigliato usare un programma per il lavaggio a mano. Su alcune lavatrici questi due programmi sono combinati. Anche in questo caso la lavatrice non dovrebbe mai essere caricata troppo, la temperatura dell'acqua non deve essere superiore ai 30 gradi e il numero di giri della centrifuga deve essere il più basso possibile. Questo programma è perfetto anche per lavare pizzi e biancheria intima.

Programmi speciali

Oltre ai programmi standard che sono ormai presenti su tutti i modelli di lavatrici, esiste ancora una vasta gamma di programmi più specifici, che possono rendere il lavaggio più facile per te e migliorare i risultati del tuo bucato. Questi programmi variano però da modello a modello.

 

Centrifuga

Nella modalità “centrifuga” i vestiti vengono centrifugati di nuovo dopo la fase di lavaggio. Puoi anche selezionare questo programma quando hai bisogno che i tuoi capi si asciughino più velocemente, e se si tratta di indumenti che non tendono a stropicciarsi troppo.

 

Centrifuga breve

Anche con questo programma, come per la normale centrifuga, i panni vengono centrifugati separatamente. In questo caso, però, la centrifuga gira più lentamente. Questo programma è particolarmente raccomandato per la lana.

 

Programma eco di risparmio energetico su una lavatrice

Scarico acqua

Per proteggere ulteriormente i tessuti molto delicati, come la lana o la seta, puoi eliminare la fase della centrifuga. Il programma "scarico acqua" elimina semplicemente l'acqua dalla lavatrice dopo il lavaggio, senza però centrifugare.

 

Programma rapido

Il programma rapido è l'ideala per lavaggi veloci o per capi poco sporchi.

 

Programma eco

Il programma eco è pensato per un lavaggio efficiente ma con risparmio di energia. Su molte lavatrici questa modalità può essere attivata in aggiunta a tutti gli altri normali programmi.

Oltre a questi, alcuni modelli sono dotati di ulteriori programmi specifici, di solito molto intuitivi e facili da usare. Esistono ad esempio programmi pensati appositamente per le camicie, per l'abbigliamento sportivo o tecnico, o ancora per tende e tendaggi. Per non commettere errori ti consigliamo di consultare il libretto di istruzioni della tua lavatrice, in modo da verificare con esattezza quali tessuti sono adatti per ogni programma indicato, le relative temperature di lavaggio e quanto caricare il cestello.

 

Una panoramica sui diversi tipi di detersivo e sul loro utilizzo

Se si vuole preservare a lungo la qualità di un capo di abbigliamento, non basta scegliere il programma di lavaggio più adatto, ma è fondamentale prestare attenzione anche al detersivo che si usa. Non tutti i detersivi sono indicati, infatti, per ogni tipo di tessuto. Ti illustriamo qui di seguito i diversi detersivi disponibili sul mercato e come usarli al meglio.

Detersivo liquido in forma di pastiglia

Detersivo liquido o in polvere?

Ci sono 6 principali tipi di detersivi: liquidi, in polvere, in gel, in perle, capsule e pastiglie. In realtà, però, quando si parla di polvere, pastiglie e perle si fa riferimento allo stesso prodotto, quello che cambia è solamente la forma.

La scelta tra un detersivo liquido e uno in polvere dipende fondamentalmente da abitudini e preferenze personali. I detersivi liquidi sono più facili da dosare e non lasciano residui sui vestiti. Per questo motivo, sono particolarmente indicati per lavare capi d’abbigliamento di colore scuro. D'altra parte, però, hanno una minore forza pulente rispetto ai detersivi in polvere. I detersivi liquidi non contengono infatti candeggina o altri tipi di solventi, e quindi eliminano difficilmente macchie di tè, frutta o lo sporco particolarmente tenace.[2] Inoltre, sono di solito più dannosi per l'ambiente rispetto a quelli in polvere, perché contengono percentuali più elevate di tensioattivo.[3]

I detersivi in polvere hanno altre caratteristiche. Per prima cosa, contengono solitamente meno sostanze conservanti e stabilizzanti, e sono in grado di eliminare quasi tutti i tipi di macchie. Sono però indicati solo per lavaggi con temperature al di sopra dei 40° (a temperature inferiori potrebbero infatti non sciogliersi del tutto).[4] Ne basta una quantità inferiore rispetto ai detersivi liquidi, e sono inoltre la scelta più indicata per persone con allergie. Se però si utilizza una quantità eccessiva di questo tipo di detersivi, si rischia di avere dei residui sui vestiti. Per questo è importante anche ricordarsi di pulire regolarmente la vaschetta della lavatrice in cui si inserisce il detersivo in polvere.

 

Tipi di detersivo in base all'uso

Oltre alle varie forme in cui sono disponibili, i detersivi si possono distinguere anche in base all’uso che se ne può fare. Ci sono detersivi universali, altri specifici per i delicati, per i colorati, o ancora pensati appositamente per particolari tessuti. Per utilizzare correttamente un detersivo bisogna valutare la sensibilità e le caratteristiche del tessuto da lavare, così come il livello di sporco che deve essere eliminato.

 

I detersivi universali

Questi detersivi dovrebbero essere utilizzati, in realtà, solo su tessuti e materiali poco sensibili, come il cotone. Un detersivo per tutti i tipi di bucato può essere usato a qualsiasi temperatura ed è in grado di eliminare la maggior parte delle macchie. Per questo non dovrebbe mai mancare tra i tuoi prodotti per la casa. Non bisogna però dimenticare che questi detersivi contengono candeggina, e non sono quindi adatti a lavaggi di capi colorati effettuati a temperature superiori ai 60 gradi.

 

Il detersivo per i colorati

Anche il detersivo per colorati è un componente che non dovrebbe mai mancare tra i tuoi prodotti per la pulizia. Le sostanze contenute di norma in questo tipo di detergenti li rendono prodotti particolarmente consigliati per il lavaggio di tessuti colorati. Un altro vantaggio è la possibilità di fare il bucato anche ad una temperatura di 60 gradi.

 

Scegliere il detersivo giusto per il bucato

Il detersivo per i delicati

I capi delicati, che quindi devono essere lavati a basse temperature, necessitano ovviamente di un detersivo poco aggressivo. Questo tipo di detersivo produce una schiuma molto fine che protegge le fibre più sensibili. È il caso ad esempio della seta, che non deve mai essere lavata ad una temperatura superiore ai 40 gradi.

 

Detersivi speciali

In questa categoria si trovano tutti i detersivi elaborati specificamente per quei tessuti che richiedono attenzioni particolari. Ci sono quindi i detersivi per la lana, la piuma e per l'abbigliamento tecnico. Tra questi prodotti si trovano anche i detersivi igienizzanti, pensati per la biancheria intima e gli asciugamani. Esistono poi detersivi ad hoc per i capi bianchi o per quelli neri.

 

L’ammorbidente: quando usarlo?

Negli scaffali dei supermercati, accanto ad una vastissima offerta di detersivi liquidi o in polvere in svariate forme, si trovano anche molti tipi di ammorbidente. L'ammorbidente viene di solito usato per dare maggiore morbidezza ai capi lavati. Una volta asciugati, questi risultano infatti spesso duri e rigidi al tatto. L'ammorbidente fa in modo che le fibre del tessuto rimangano invece morbide. Le sostanze contenute nell'ammorbidente (di solito l’esterquat) rivestono le fibre dei tessuti, creando una specie di pellicola che, aderendo alle fibre, le rende lisce e morbide.[5]

Questo effetto, però, può anche essere controproducente. Se per esempio si utilizza l'ammorbidente per lavare gli asciugamani, questi saranno alla fine certamente molto morbidi al tatto, ma perderanno anche la loro capacità assorbente. Per lo stesso motivo, molti materiali utilizzati per l'abbigliamento tecnico, così come la lana, le piume o il pile, non dovrebbero mai essere trattati con l'ammorbidente, perché perderebbero la funzione o le caratteristiche che li contraddistinguono.

 

Conclusioni - Scegliere il giusto programma di lavaggio e il detersivo più adatto

Ogni lavatrice è differente e ha a disposizione una propria gamma di programmi di lavaggio tra cui scegliere. Bisogna però distinguere tra i programmi standard, adatti per il bucato di tutti i giorni, e i programmi speciali, utilissimi per facilitarti il lavoro con fibre più particolari. Oltre al tipo di lavaggio, è utile tenere a mente anche il carico corretto per ogni tipo di programma. Mentre il bucato lavabile a 90° è tendenzialmente abbastanza resistente, è importante lavare la lana separatamente. Anche nella scelta dei detersivi bisogna valutare in maniera accurata alcuni aspetti. Un detersivo pubblicizzato come universale potrebbe, ad esempio, non essere adatto ai colorati, perché presenta concentrazioni di candeggina troppo alte.

Immagini tratte da:

iStock.com/spyderskidoo
iStock.com/ssuaphoto
iStock.com/amphotora
iStock.com/PeopleImages