global.uvp.bar.1

Qualità e confort

Circa il 50% di materie prime più sostenibili

Ampia selezione

Moda per tutta la famiglia

Esperti nella moda

Look per tutte le occasioni

Guida per la ricerca del lavoro – Una ragazza davanti al PC si candida per un lavoro
Guida per la ricerca del lavoro – Una ragazza davanti al PC si candida per un lavoro

Come muovere i primi passi nel mondo del lavoro

Come muovere i primi passi nel mondo del lavoro

Gli esami non finiscono mai! Terminati gli studi ci si trova ad affrontare una nuova sfida: ottenere il lavoro dei propri sogni. Cosa non facile, soprattutto ai giorni d’oggi. Insicurezze, dubbi e la sensazione di dover scalare una montagna fanno parte di questa delicata fase della vita. Anche professionisti e persone con anni di lavoro alle spalle si trovano spesso nella situazione di dover, o voler, cambiare professione, costretti così a fare i conti con procedure e regole poco note.

In questa guida abbiamo raccolto diversi consigli utili per sostenere un colloquio di lavoro e massimizzare le probabilità di essere selezionati. Trovi anche qualche spunto per scegliere il look più adatto al tipo di posizione per cui ti stai candidando e alcune informazioni sull’assessment center, a cui sempre più aziende fanno ricorso. Non farti trovare impreparato e sfrutta al massimo la tua chance di entrare nel mondo del lavoro.

Come leggere correttamente gli annunci di lavoro

Come trovare lavoro – Consigli per ottimizzare la ricerca di un impiego

Lunghi annunci, pieni di requisiti lavorativi e formativi, tendono a spaventare i potenziali candidati. Nella maggior parte dei casi si tratta di ottime presentazioni dettagliate, che cercano di descrivere a tutto tondo il profilo della persona che si sta cercando, ma che raramente verranno prese in considerazione. E per dei buoni motivi.

Gli annunci di lavoro sono tendenzialmente suddivisi in diverse parti, ognuna delle quali merita di essere letta e analizzata con la dovuta attenzione. Partiamo dall’inizio. Subito dopo il titolo si trova di solito una breve introduzione. Qui vengono riportate le informazioni più importanti dell’azienda (dimensione, indirizzo, ambito di lavoro ecc.). Sulla base di queste prime indicazioni puoi iniziare ad effettuare una breve ricerca sul tuo potenziale datore di lavoro, così da poter personalizzare al meglio la tua lettera di presentazione e il curriculum.

Nella parte finale dell’annuncio si trovano invece due paragrafi, quelli più importanti per chi è alla ricerca di un lavoro: la descrizione delle mansioni e i requisiti necessari. Se questa ultima parte è riuscita a risvegliare il tuo interesse, allora dovresti per prima cosa controllare se sei in possesso delle qualifiche richieste.

Ricorda che non tutti i requisiti vanno interpretati come must-have assoluti, ma che alcuni di questi vengono espressi in termini di preferenze e punti in più rispetto alla concorrenza.

Requisiti indispensabili:

  • „Titolo di studio minimo...“
  • „È in possesso di…“
  • „Esperienza minima…“
  • „Indispensabile…“
  • „Si richiede…“
  • „Il candidato deve avere…“
  • „Requisito indispensabile…“

Requisiti preferenziali:

  • „Preferibilmente…“
  • „La conoscenza di…è considerata un plus”
  • „Ulteriori conoscenze … verranno prese in considerazione”
  • „Idealmente…“
  • „…sono un vantaggio…“

Per capire quali tipi di requisiti appartengano al primo gruppo e quali al secondo, è sufficiente prestare attenzione al modo in cui vengono formulate le richieste. Espressioni come “esperienza minima” o “indispensabile” fanno subito intuire che si tratta di requisiti su cui l’azienda non è disposta a scendere a compromessi. Al contrario, parole come “preferibilmente” o “idealmente” non vanno interpretate come motivi per cui scartare un annuncio di lavoro. A volte richieste specifiche, relative a competenze o abilità aggiuntive, vengono motivate nella descrizione della posizione che si andrà a svolgere.

In caso di dubbi, è comunque meglio inviare il proprio curriculum, anche quando non si risponde al 100% alle richieste dell’azienda. Ovviamente dovresti possedere la maggior parte dei requisiti indispensabili, ma quelle competenze che non vengono considerate essenziali possono anche essere acquisite con un corso di formazione[1]. Valuta in che misura sei già in grado di rispondere ai requisiti dell’annuncio. Se ad esempio si chiede esplicitamente una determinata certificazione, calcola quanto tempo, soldi ed energie ti occorrerebbero per ottenerla. La conoscenza di una lingua o delle specifiche competenze informatiche si possono rinfrescare in un lasso di tempo abbastanza contenuto.

Come prendere una decisione – I nostri consigli:

  1. Leggi con attenzione tutto l’annuncio. Individua i requisiti minimi richiesti e quelli preferenziali.
  2. Confronta le richieste con le tue competenze e qualifiche. Cerca di essere onesto e di valutare realisticamente il tuo CV. Corrispondi al profilo cercato?
  3. Se rispondi ai requisiti indispensabili e ad una buona parte di quelli preferenziali, invia la tua candidatura. Anche se ti avvicini al 70-80% delle richieste hai delle buone chance di essere contattato.
  4. Prepara un curriculum che metta in risalto i tuoi punti di forza. Presentati al meglio, dimostrandoti sicuro e consapevole delle tue competenze ed esperienze pregresse. Espressioni come “Nonostante non corrisponda pienamente ai vostri requisiti, mi impegnerò…” mostrano insicurezza e non vengono valutate positivamente dai reclutatori.
  5. Se quando invii il tuo CV stai seguendo un corso di formazione o stai per dare un esame, riporta questa informazione nella tua presentazione. In questo modo dimostrerai spirito di iniziativa, voglia di crescere professionalmente e motivazione.

Al termine dell’annuncio trovi solitamente le informazioni per contattare il referente per la selezione del personale. A volte viene riportato un generico indirizzo info@, ma di solito si trova anche il nome del reclutatore e la sua e-mail diretta. Ricorda che in questo secondo caso, dovrai rivolgerti direttamente a questa persona nella lettera di presentazione.

Se nell’annuncio vengono riportate indicazioni riferite al genere, l’età o la provenienza, scarta immediatamente l’offerta. Il Decreto Legislativo 276 del 2003 vieta infatti ogni genere di discriminazione ed espressioni come “giovani lavoratori” o “lavoratori italiani” non si addicono ad aziende serie e professionali[2].

SuggerimentoPer cercare lavoro puoi usare diversi canali: agenzie del lavoro, ufficio di collocamento e portali online. Molte aziende hanno anche una pagina ad hoc sul loro sito nella quale riportano le posizioni aperte.

SuggerimentoPer cercare lavoro puoi usare diversi canali: agenzie del lavoro, ufficio di collocamento e portali online. Molte aziende hanno anche una pagina ad hoc sul loro sito nella quale riportano le posizioni aperte.

Tutti gli articoli

Come si scrive una lettera di presentazione? – Una ragazza al pc

Curriculum vitae e lettera di presentazione – Consigli utili per una candidatura di successo

CV e lettera di presentazione sono il tuo biglietto da visita: è con loro che dovrai convincere un ipotetico datore di lavoro delle tue qualità e competenze. Il curriculum vitae deve avere una struttura chiara ed elencare solo le informazioni più rilevanti; nella lettera di motivazione, invece, dovresti evidenziare competenze e capacità specifiche, mettendole in diretta relazione con la posizione per la quale ti stai candidando. Consulta il nostro articolo e scopri quali sono le regole da seguire per scrivere in modo corretto questi due documenti. Come strutturarli al meglio e quali contenuti inserire? Ti mostriamo anche tutti gli errori da cui tenerti assolutamente alla larga.

Come si scrive una lettera di presentazione? – Una ragazza al pc

Se nella redazione dei tuoi documenti vuoi distinguerti dagli altri candidati, scarica i nostri due modelli.

CheckSe ti vengono richieste le tue aspettative salariali e una possibile data di inizio, non omettere queste informazioni. Questi dettagli aiutano i datori di lavoro a comprendere come ti auto-valuti e vedere se le tue idee sono compatibili con quelle dell’azienda.

CheckSe ti vengono richieste le tue aspettative salariali e una possibile data di inizio, non omettere queste informazioni. Questi dettagli aiutano i datori di lavoro a comprendere come ti auto-valuti e vedere se le tue idee sono compatibili con quelle dell’azienda.

Foto per il curriculum – Il trucco e l'abbigliamento devono essere semplici ed eleganti

La foto perfetta per il curriculum

Sebbene non sia obbligatoria, inserire nel CV una foto professionale può dare un valore aggiunto alla tua candidatura: la tua foto infatti renderà la tua presentazione più personale e darà un volto a qualifiche ed esperienze lavorative. In questo modo il recruiter potrà farsi un’immagine più completa del tuo profilo e gli sarà più facile ricordarsi di te nel caso di un futuro colloquio. La foto per il curriculum non deve necessariamente essere la classica immagine in stile fototessera su uno sfondo monocromatico: nel nostro articolo troverai suggerimenti utili per realizzare diverse varianti di foto, dalle più tradizionali a quelle più moderne, e alcune indicazioni per scegliere l’alternativa più adatta in base alla posizione e al settore per cui ti vuoi candidare.

 Una ragazza durante un colloquio di lavoro

Affrontare al meglio un colloquio di lavoro

Il primo ostacolo è stato superato: hai inviato la tua candidatura e sei stato contattato per un primo colloquio. Passata la gioia del momento, è facile entrare in panico e iniziare a dubitare di sé stessi. La cosa più importante è arrivare preparati al grande giorno e non lasciarsi travolgere da inutili dubbi. I colloqui hanno di solito la stessa struttura e ripetono un copione di domande abbastanza classico. Scopri le più gettonate in termini di motivazione, qualifiche e aspetti della tua personalità. Preparati qualche risposta in anticipo e ricorda che le domande che violano le normative italiane non vanno assolutamente assecondate. Ti mostriamo in breve come hanno luogo i colloqui di lavoro, fase dopo fase, e ti diamo qualche consiglio per fare una buona prima impressione. Passa in rassegna i nostri dos e don’ts per affrontare con la dovuta calma il tuo prossimo colloquio.

Una ragazza durante un colloquio di lavoro

AttenzioneSe nell’annuncio di lavoro dovessero mancare informazioni di rilievo, non esitare a contattare l’azienda. Quando arriverà il momento di inviare la candidatura, non dimenticare di menzionare la telefonata che hai avuto in precedenza.

AttenzioneSe nell’annuncio di lavoro dovessero mancare informazioni di rilievo, non esitare a contattare l’azienda. Quando arriverà il momento di inviare la candidatura, non dimenticare di menzionare la telefonata che hai avuto in precedenza.

Cosa indossare ad un colloquio di lavoro – L’outfit più adeguato

Consigli di outfit per il colloquio

Per quanto i contenuti siano più importanti della forma, anche l’occhio vuole la sua parte. Scegliere gli abiti adatti ad un colloquio di lavoro è tanto importante quanto prepararsi per le domande. Professionale, ma non troppo snob; moderno, ma non trascurato – soprattutto quando si è alle prime armi non è affatto scontato trovare il giusto equilibrio tra i vari stili ed è facile perdersi nel labirinto dei dettami previsti dal dress-code. Nel nostro articolo trovi una pratica panoramica che ti aiuterà a scegliere l’abito più adatto all’occasione che dovrai affrontare. Scopri qual è il look più adatto al settore lavorativo del quale vuoi entrar a far parte!

Assessment Test – Ragazzi scrivono una prova

Assessment center: come funziona?

In molte aziende, integrare un assessment center nel processo di selezione del personale è ormai diventata la regola. Questo metodo di valutazione, che può durare anche diversi giorni, sottopone i candidati a un programma di prove ed esercitazioni molto intenso. Lo scopo dell’assessment aziendale è verificare approfonditamente l'idoneità di un candidato per determinate posizioni; per questo motivo, è importante avere la consapevolezza della situazione di stress a cui si verrà sottoposti prima di partecipare a questo processo. Nel nostro articolo ti spieghiamo come funziona generalmente un assessment center e come puoi prepararti al meglio per affrontarlo. Troverai inoltre alcuni esempi di esercitazioni con le quali ti dovrai confrontare.

Assessment Test – Ragazzi scrivono una prova
Arredi d’ufficio ergonomici

Ergonomia sul posto di lavoro

Lo stile di vita sedentaria che accompagna la maggior parte dei lavori può trasformarsi in un vero incubo per chi non è ancora abituato a trascorrere ore davanti al computer. Mal di schiena, dolori alle mani e alle spalle sono molto diffusi tra le persone che svolgono lavori d’ufficio. Sedie e scrivanie ergonomiche possono fare la differenza e prevenire inutili dolori. In questo articolo ti mostriamo le principali norme ergonomiche che devono essere rispettate in ambito lavorativo. Abbiamo raccolto anche qualche esercizio per rilassare e rafforzare la muscolatura, evitando che posture errate danneggino il tuo benessere fisico e la tua produttività sul lavoro.

Conclusioni

Che tu stia entrando ora nel mondo del lavoro o sia interessato ad un avanzamento di carriera, candidarsi per una posizione lavorativa richiede tempo ed energie. Preparare un CV ben strutturato e una buona lettera di presentazione sono solo il punto di partenza. Ogni settore ha le sue regole e ogni azienda gestisce questo processo in modo differente. Informati sempre sul tuo potenziale datore di lavoro e cerca di adattare il tuo profilo al caso specifico. Con qualche ricerca e la giusta preparazione potrai affrontare al meglio questa fase della tua vita, con ottime probabilità di ottenere il lavoro dei tuoi sogni.

Riferimenti bibliografici:

[1] https://www.candidaturaperfetta.com/come-leggere-un-offerta-di-lavoro.html
(consultato in data 07.10.2019)

[2] https://www.ionos.it/startupguide/produttivita/annuncio-lavoro/
(consultato in data 07.10.2019)

Immagini tratte da:

iStock.com/demaerre

iStock.com/VioletaStoimenova

iStock.com/BraunS

iStock.com/djiledesign

iStock.com/g-stockstudio

istock.com/thomasandreas

iStock.com/katleho Seisa