Orientamento universitario: tutte le informazioni sull’università

Quando inizi i tuoi studi all’università, entri automaticamente in una nuova fase di vita. In questa guida troverai informazioni su tutti gli aspetti relativi alla selezione del percorso accademico che più fa per te – dalla scelta dell’università fino al finanziamento degli studi. Con la nostra checklist puoi inoltre avere una panoramica degli aspetti più importanti da considerare prima di iniziare l’università.

Quanti e quali tipi di università esistono?

I tipi di università in Italia sono principalmente due: statali e private. A queste si aggiungono poi quelle telematiche e i conservatori. Adesso ti starai probabilmente chiedendo: “Quale università scegliere?”. Di seguito cerchiamo di darti informazioni utili per scegliere l’università che fa al caso tuo.

Le università statali o pubbliche, come suggerisce il nome, appartengono allo Stato, da cui ricevono fondi per garantire tasse più basse in base a fattori come il reddito, la situazione famigliare e la media dei voti. Rappresentano il tipo di università più diffuso e conosciuto in Italia. Il programma formativo delle università pubbliche, essendo statale, è simile in tutti gli atenei. 

Le università private, invece, hanno costi decisamente più alti di quelle statali e, quindi, il numero di iscritti è solitamente minore. Questo permette di ricevere più assistenza da parte dei professori ed essere seguiti in modo più specifico durante gli studi. Se non puoi permetterti di studiare in un’università privata, tieni tuttavia presente che anche in questo caso puoi fare domanda per una borsa di studio che possa, almeno in parte, coprire le tue spese. Un punto a favore di queste università è il loro stretto collegamento con aziende che assumono neolaureati. In questo modo, una volta terminati gli studi, avrai già alcuni contatti con il mondo del lavoro.

Per gli studenti che non hanno possibilità di spostarsi in un’altra città, ma che comunque desiderano studiare, le università telematiche sono la soluzione giusta. Queste offrono la comodità di seguire le lezioni da casa, senza quindi sostenere costi d’affitto per gli alloggi studenteschi o di spostamento per raggiungere l’ateneo. L’unico momento in cui sarà richiesta la tua presenza, sarà durante lo svolgimento degli esami. Un altro vantaggio delle università telematiche è la possibilità di iscriversi in qualsiasi momento dell’anno. Le università online sono la scelta giusta anche se desideri studiare e lavorare full time contemporaneamente, in quanto ti permettono di organizzare il tuo studio in maniera flessibile e adattarlo ai tuoi orari lavorativi

Inizio università: studenti si preparano alla prima lezione universitaria

E se invece la tua passione è la musica e vuoi diventare un professionista del settore musicale? Allora molto probabilmente la scuola che fa per te è il Conservatorio. Grazie alle diverse aree di studio musicale (classico, elettronico, jazz, orchestra, composizione e canto), potrai scegliere quella che più ti interessa. Per iscriversi occorre sostenere una prova di ammissione sia di teoria che di pratica. Alla fine del percorso di cinque anni si ottiene un diploma di II livello, equivalente a quello ottenuto con una laurea magistrale. È possibile, tuttavia, fermarsi dopo tre anni, conseguendo il diploma di I livello, corrispondente alla laurea triennale.

CheckUn’alternativa al tradizionale percorso universitario è rappresentata dagli Istituti Tecnici Superiori. Gli ITS sono dei percorsi di alta formazione professionalizzante che approfondiscono determinate aree tecnologiche. Il grande vantaggio di questo percorso è l’impostazione molto pratica e il fortissimo legame con il mondo produttivo: gran parte dei docenti proviene infatti dal mondo del lavoro e almeno il 30% della durata dei corsi è svolto nelle aziende.

CheckUn’alternativa al tradizionale percorso universitario è rappresentata dagli Istituti Tecnici Superiori. Gli ITS sono dei percorsi di alta formazione professionalizzante che approfondiscono determinate aree tecnologiche. Il grande vantaggio di questo percorso è l’impostazione molto pratica e il fortissimo legame con il mondo produttivo: gran parte dei docenti proviene infatti dal mondo del lavoro e almeno il 30% della durata dei corsi è svolto nelle aziende.

Studiare part-time o a tempo pieno?

Un’altra scelta da compiere quando ci si iscrive all’università riguarda il tempo che si intende investire nello studio. Se studi a tempo pieno, dedichi l’intera settimana a seguire le lezioni e a studiare per gli esami. L’università è quindi la tua occupazione principale e dovresti laurearti nel giro di tre anni per la laurea triennale e due per quella magistrale.

In alternativa, puoi scegliere di studiare a tempo parziale, destinando solo la metà del tuo tempo allo studio. Questa soluzione è adatta a chi lavora o chi deve occuparsi dei figli. I contributi universitari sono ridotti ma, ovviamente, la durata dei tuoi studi si prolungherà.

Corsi universitari: alcuni studenti in biblioteca si preparano per gli esami.

I tipi di laurea: triennale, magistrale e a ciclo unico

Dal processo di Bologna del 1999, le università europee offrono prevalentemente due cicli di studio: la laurea triennale per gli studi base e quella specialistica o magistrale per gli studi avanzati. Grazie a questa riforma i titoli di studio sono comparabili a livello internazionale. Ecco le caratteristiche di questi cicli di laurea:

  • La laurea triennale o di primo livello è il primo grado che ti qualifica per una professione, a cui si accede solo se in possesso di un diploma di scuola superiore. In un periodo standard di studio da sei a otto semestri, si acquisiscono conoscenze di base in un'area tematica specifica. Le discipline dei corsi di laurea sono molto varie: dall’area umanistica, a quella giuridica fino a quella scientifica.
  • La laurea magistrale è la continuazione del percorso accademico dopo il titolo di laurea triennale. Le conoscenze acquisite nei tre anni precedenti vengono pertanto approfondite. La durata standard dello studio specialistico è di due anni.
  • Esistono tuttavia lauree magistrali a ciclo unico, che non prevedono la suddivisione del percorso di studi in laurea triennale e magistrale. Esse durano cinque anni per le facoltà di Farmacia, Chimica e tecnologie farmaceutiche, Odontoiatria e Protesi Dentaria, Veterinaria, e sei anni per Medicina e Chirurgia. L’obiettivo di questi corsi di laurea è la formazione di figure professionali precise.
  • Grazie alla convenzione di Bologna, non solo i livelli di studio sono equiparabili in ogni Stato europeo, ma è possibile anche ottenere un titolo di studio doppio (double degree), con valenza nelle due università coinvolte nel progetto. Lo studio si svolge in parte in Italia, in parte all’estero, offrendo così agli studenti l’opportunità di migliorare le loro conoscenze linguistiche e di arricchire il loro bagaglio culturale. Per accedere a questo percorso universitario è necessario partecipare a una selezione e, in alcuni casi, superare degli esami specifici.

Dopo aver conseguito una laurea magistrale, il percorso accademico può continuare e raggiungere livelli ancora più alti. Chi desidera ottenere il massimo titolo di studio e vuole essere attivo nella ricerca di alto livello, può fare domanda per un Dottorato di Ricerca (PhD). Per il perfezionamento di alcune competenze specifiche, come quelle mediche o relative all’insegnamento per le scuole secondarie, esistono i corsi di Specializzazione, a cui si può accedere con una laurea triennale o magistrale. Se dopo la laurea si desidera perfezionare le proprie conoscenze e specializzarsi in determinate aree di studio, ci si può iscrivere a un Master, la cui durata va solitamente dai 6 ai 18 mesi.

Modalità di studio: in frequenza o no?

Una volta iscritto all’università, se il tuo corso di studi non è a frequenza obbligatoria, puoi scegliere se frequentare o meno le lezioni. Valuta questa scelta a seconda della tua situazione di vita, scegliendo la modalità che più si adatta alle tue esigenze. Ovviamente per ogni modalità ci sono pro e contro.

  • Lo studio in presenza è la modalità classica di seguire le lezioni. Ti rechi quindi fisicamente in università, frequenti le lezioni regolarmente e trascorri gran parte della giornata in ateneo. In questo modo hai il vantaggio di poter parlare direttamente con i professori, ad esempio, in caso tu abbia domande relative ai contenuti o per altre richieste. Allo stesso tempo, potrai stabilire un contatto con i tuoi compagni di corso ed eventualmente creare insieme a loro dei gruppi studio.
  • Studiare da non frequentante ti dà invece la possibilità di non doverti spostare tutti i giorni per raggiungere l’università, ad eccezione degli esami. In questo caso è importante fare presente ai docenti della propria situazione, sia per informarli, sia per ottenere eventualmente materiali didattici aggiuntivi. Tieni presente, tuttavia, che i docenti non sono obbligati a fornirti altri materiali di studio oltre a quelli previsti per gli altri studenti. Se decidi di non frequentare, il tuo piano di studi rimarrà comunque invariato, così come i requisiti per superare gli esami. Lo svantaggio più grande è la difficoltà ad orientarsi nello studio senza poter chiedere spiegazioni ai professori (almeno non in modo diretto) e senza poter ascoltare cosa viene detto a lezione. Non frequentare le lezioni significa inoltre non poter conoscere i compagni di corso e quindi non potersi sostenere a vicenda nella preparazione degli esami.

Tutti gli articoli

Una studentessa in biblioteca legge un libro sull’orientamento universitario.

Cosa studiare all’università? Alcuni consigli

Se decidi di andare all’università, la gamma delle facoltà tra cui scegliere è molto vasta e prendere una decisione potrebbe non essere facile. Le attività di orientamento proposte dalle scuole, dalle università o da alcuni enti possono tuttavia offrirti un valido aiuto. In questo articolo trovi una panoramica dei servizi di orientamento che possono aiutarti a fare la scelta giusta.

Una ragazza calcola le tasse universitarie con la calcolatrice.

Opzioni per finanziare gli studi

Una volta avvenuta l’iscrizione al corso di studi scelto, alle tasse universitarie si aggiungono anche i costi di vitto, alloggio, materiale didattico ed eventualmente strumenti informatici. Per poter sostenere i costi e terminare gli studi universitari hai a disposizione diversi tipi di finanziamenti per studenti. Puoi infatti richiedere una borsa di studio per reddito e/o merito, un prestito d’onore ad una banca o ancora cercare un lavoro part-time che ti permetta di sostenere le spese universitarie ed avere comunque tempo da dedicare allo studio.

Una ragazza calcola le tasse universitarie con la calcolatrice.
Uno studente sulla sedia a rotelle studia con una compagna.

Studenti con DSA o disabilità: quale supporto offre l’università?

Per gli studenti con una disabilità o DSA, poter studiare senza barriere è di enorme importanza. Le agevolazioni per studenti disabili possono fare una grande differenza sulla qualità del percorso accademico. Per questo è importante essere informati sulle misure compensative allo studio, come ad esempio il supporto di un tutor o la presenza di ausili tecnici. Vuoi sapere a quali agevolazioni e misure compensative hanno diritto gli studenti con DSA o disabili? Ti consigliamo questo articolo.

Una studentessa all’università studia per gli esami.

Consigli per organizzare il tuo studio all’università

All’università è importante saper gestire il proprio tempo in modo effettivo, creando ad esempio una tabella di marcia e dandosi degli obiettivi. Una buona organizzazione ti permetterà di rispettare le scadenze e di prepararti in tempo e senza stress agli esami, garantendoti anche del tempo libero per te stesso. Ti diamo consigli su come organizzare lo studio in modo effettivo e usare il tuo tempo in modo intelligente per prepararti agli esami.

Una studentessa all’università studia per gli esami

Riferimenti bibliografici:

https://quifinanza.it/info-utili/tipi-di-universita-italia-quali-sono/541255/
(consultato in data 14.10.2021)

https://www.miur.gov.it/web/guest/cosa-sono
(consultato in data 14.10.2021)

https://www.skuola.net/orientamento-universitario/universita-telematiche-online-riconosciute-costi-opinioni.html
(consultato in data 14.10.2021)

https://www.formazionepiu.it/diploma/diplomi-e-qualifiche/conservatorio.htm
(consultato in data 14.10.2021)

https://www.cestor.it/atenei/guida.htm
(consultato in data 14.10.2021)

https://www.miur.gov.it/processo-di-bologna
(consultato in data 14.10.2021)

https://www.cassaforense.it/riviste-cassa/la-previdenza-forense/avvocatura/la-laurea-che-vale-doppio-double-degree-e-joint-degree/
(consultato in data 14.10.2021)

Immagini tratte da:

iStock.com/skynesher

iStock.com/Klubovy

iStock.com/rudi_suardi

iStock.com/gece33

iStock.com/Wavebreakmedia

iStock.com/StockRocket