global.uvp.bar.1

Qualità e confort

Circa il 50% di materie prime più sostenibili

Ampia selezione

Moda per tutta la famiglia

Esperti nella moda

Look per tutte le occasioni

Netiquette – Regole di buona educazione online

A scuola di netiquette

Regole per genitori e figli

A scuola di netiquette

Regole per genitori e figli

Chattare online, commentare post o aggiungere like – in Internet spopolano le piattaforme in cui gli utenti possono scambiarsi idee e opinioni, interagendo giorno e notte con amici e conoscenti. Tramite i social media, le chat e le applicazioni, possiamo conversare o condividere informazioni e articoli. Anche sul Web, esattamente come nel mondo reale, esistono regole e norme a cui è opportuno attenersi se si vogliono costruire rapporti fondati sul rispetto reciproco. Qui ti mostriamo l’abc della Netiquette, con particolare attenzione alle regole destinate ai bambini e alcuni consigli sul tema dell'uso degli smartphone in classe.

Regole di comportamento - Online e offline

L'anonimato, che per sua natura caratterizza Internet, permette agli utenti di esprimere opinioni e pareri in modo molto più diretto di quanto non si faccia nella vita reale. Tendiamo infatti a filtrare di meno i nostri pensieri, postando a volte commenti offensivi o inappropriati. In realtà, online valgono le stesse regole di buona educazione che impariamo fin da bambini e che normano le relazioni della vita reale.

Il termine "Netiquette" nasce dall'unione di due parole: il termine inglese "Net", cioè Internet, e quello francese "Etiquette", buona educazione. Detto altrimenti, la Netiquette si traduce in un insieme di regole di buona educazione e rispetto che trovano spazio nel mondo online, come ad esempio chat, forum, app e molti altri ambiti. Amministratori e moderatori hanno il compito di vigilare e assicurarsi che tutti gli utenti attivi sulla piattaforma rispettino i paletti imposti. Nonostante il rischio di essere espulsi o allontanati temporaneamente da chat e social media sia ormai noto ai più, molti utenti sottovalutano queste regole, vivendo Internet come un far west privo di regole.

Una mamma chatta insieme alla sua bambina

Se vuoi assicurarti che il tuo bambino sia in grado di gestire in modo corretto la sua presenza online, è importante che affrontiate insieme questo argomento, discutendo e parlandone apertamente. Condividete esperienze positive e negative, cercando di far emergere anche opinioni personali e sentimenti. Cosa c'era di sbagliato nel comportamento di un utente? Come si poteva formulare in maniera più educata un determinato commento? In questo modo fornirai al tuo bambino gli strumenti necessari per scoprire com'è fatto veramente il mondo online, rafforzando la sua sicurezza in sé stesso e ponendo le basi per un rapporto positivo e costruttivo con Internet. Per capire come rendere questo percorso sicuro e privo di inutili pericoli, consulta il nostro articolo.

Mettiti nei panni di tuo figlio e cerca di capire come lui vive e interpreta determinati siti per bambini, chat o social media. Così facendo, imparerai a conoscere funzioni di cui ignoravi l'esistenza, avendo un'idea più chiara di quanto il tuo bambino abbia capito di Internet o di quale genere di domande siano ancora in attesa di una risposta. I primi passi nel mondo dei social media e delle chat per bambini dovrebbero comunque essere condivisi con un adulto. Spiega a tuo figlio che dietro ad ogni nome utente si nasconde una persona reale. Spesso nomi e immagini legati a profili divertenti rendono difficile comprendere che si tratta in realtà di persone in carne ed ossa. Affrontate insieme tutti questi argomenti e assicurati che il tuo piccolo abbia capito che Internet ha regole e divieti, esattamente come il mondo in cui vive la sua quotidianità.

SuggerimentoIn Internet esistono ormai molte chat riservate ai bambini, come “ilgomitolo.net”. Si tratta di ambienti protetti, in cui anche gli utenti più inesperti possono interagire senza correre rischi. Qui trovi ulteriori proposte per bambini.

SuggerimentoIn Internet esistono ormai molte chat riservate ai bambini, come “ilgomitolo.net”. Si tratta di ambienti protetti, in cui anche gli utenti più inesperti possono interagire senza correre rischi. Qui trovi ulteriori proposte per bambini.

Regole e norme di comportamento in chat

Le chat sono un'ottima occasione per parlare, discutere e condividere foto. Gli scambi di idee che abbiamo regolarmente con amici e conoscenti vengono semplicemente spostati su un altro piano. Questa nuova forma di comunicazione rappresenta però una novità assoluta per il tuo bambino: non lasciarlo solo quando inizia a muovere i primi passi in chat e spiegagli funzioni e strumenti.

Per assicurarti che tutto proceda come dovrebbe, definite insieme alcune regole iniziali a cui dovrà attenersi. Per cominciare:

  • Pensare a cosa si vuol dire prima di iniziare a scrivere
  • Rileggere un'ultima volta i propri messaggi prima di inviarli
  • Usare parole distese ed esprimere critiche costruttive
  • Non condividere voci di corridoio
  • Non cliccare acriticamente sui link ricevuti
  • Non inoltrare immagini non richieste
  • Se qualcuno viene offeso, parlarne subito con i genitori

Mostra interesse per quello che tuo figlio scrive nelle chat che frequenta e aggiornati di continuo sulle esperienze che sta vivendo. Potete ridere insieme guardando le immagini o le barzellette che ha condiviso con i suoi amici. Cerca però di non essere eccessivamente presente e, dopo una prima fase di controllo, concedigli il suo spazio di libertà. I bambini hanno bisogno di fare le loro esperienze e sviluppare nuove competenze in materia di media digitali. Fidati di tuo figlio e offrigli il tuo aiuto solo quando è davvero necessario.

Un'alternativa più sicura di WhatsApp è, per esempio, Signal. Anche questo servizio offre le classiche funzioni come la chat, i messaggi e le chiamate vocali, l'invio di foto e video. A differenza di altre offerte, però, questa app ha regole molto più rigide in termini di rispetto della privacy. L'app non salva quasi nessun metadato ed usa una crittografia end-to-end.[1] Con il termine “metadati” si intendono diverse informazioni come, ad esempio, i dati di contatto o i tempi di utilizzo. Questo genere di informazioni viene spesso utilizzato per fini pubblicitari ed è per questa ragione che Signal si rifiuta di salvarli. Un altro punto a suo favore è che i messaggi del tuo bambino vengono cancellati in automatico (o direttamente da lui) dopo un determinato intervallo di tempo.

Pericoli online – Alla scoperta del mondo digitale insieme ai bambini

CheckSe vuoi convincere il tuo bambino ad utilizzare la app Signal, consigliala ai genitori dei suoi amichetti.

CheckSe vuoi convincere il tuo bambino ad utilizzare la app Signal, consigliala ai genitori dei suoi amichetti.

Social media - Come riconoscere i pericoli di Internet

A differenza delle chat, i social media offrono maggiori occasioni di interazione con amici e conoscenti. Occorrono quindi un ulteriore grado di controllo e una certa conoscenza della piattaforma. Ricorda sempre di personalizzare le impostazioni di sicurezza e quelle della privacy di entrambi gli account, così che solo gli amici e un gruppo selezionato di persone abbiano il diritto di visualizzare i vostri post. Non fare questa operazione di nascosto, ma coinvolgi il tuo bambino e spiegagli l'importanza della tua decisione. Inizierà così a comprendere che Internet può nascondere insidie e pericoli, e non modificherà le tue impostazioni alla prima occasione.

Discutete insieme e analizzate gli aspetti che differenziano le chat dai social media, ampliando anche la Netiquette richiesta in questo ambito:

  • Rifletti sempre con attenzione su quali foto vuoi condividere: in futuro potrebbero rivelarsi imbarazzanti?
  • Non postare alcun indirizzo o numero di telefono.[2]
  • Segnala eventuali insulti al servizio di supporto.
  • Non essere impaziente e aspetta le risposte dei tuoi amici.
  • Aggiungi alla tua cerchia di amici solo persone che conosci realmente.
  • Non iniziare conversazioni con sconosciuti.[3]

Anche se il tuo bambino dovesse vivere qualche esperienza negativa all'inizio, mantieni la calma e affronta il problema insieme a lui. Questi momenti possono accrescere e rafforzare la sua educazione ai media digitali. Un chiarimento genitori-figli dovrebbe rimettere a posto le cose e permettervi di trovare rapidamente una soluzione al problema. Se invece si trattasse di qualcosa di più serio e ti accorgessi di non essere in grado di affrontare la situazione da solo, allora è il caso di rivolgersi ad esperti del settore:

Molte scuole hanno attivato progetti ad hoc che si occupano di affrontare le problematiche che possono emergere dal Web. I corsi proposti fungono da punto di riferimento per i genitori dubbiosi sul da farsi e permettono ai bambini di confrontarsi con i loro coetanei. Tra i vari obiettivi di questi corsi, rientra a pieno titolo la gestione del problema del cyberbullismo. Se ancora non ne esiste uno, proponi alla scuola di tuo figlio di attivare un gruppo di questo tipo.

Netiquette offline - Quando e come usare lo smartphone in pubblico

La Netiquette non si limita a normare i comportamenti da tenere online, ma fornisce regole anche per l’uso corretto e responsabile dei dispositivi digitali. Per maggiori informazioni consulta il nostro articolo "Educazione digitale: Regole per un sano utilizzo dei media". Oltre all’ambito famigliare, i bambini trascorrono diverso tempo a scuola e in diversi luoghi pubblici, dalla palestra dove si allenano fino al cinema.

Per questo motivo, esistono delle regole di buona educazione per l'uso di smartphone e tablet in pubblico:

  • Meglio parlare a quattr’occhi con un amico piuttosto che telefonare
  • Al ristorante e al bar il cellulare rimane in borsa
  • In pubblico bisognerebbe disattivate la suoneria
  • In treno o sull'autobus evitare di parlare ad alta voce al telefono

AttenzioneInizia col dare il buon esempio! Se vuoi che tuo figlio utilizzi in modo responsabile il suo smartphone, devi rispettare le stesse regole che gli stai chiedendo di seguire.

AttenzioneInizia col dare il buon esempio! Se vuoi che tuo figlio utilizzi in modo responsabile il suo smartphone, devi rispettare le stesse regole che gli stai chiedendo di seguire.

Smartphone e tablet a scuola – Regole e divieti

Limiti e regole nell'uso dello smartphone a scuola hanno lo scopo di non distrarlo dai suoi doveri, incidendo negativamente sul suo rendimento scolastico. Qui trovi qualche regola base per il comportamento a scuola:[4]

  • Durante le lezioni il cellulare rimane spento.
  • Solo i professori possono autorizzarne l’uso in classe per motivi didattici.
  • Durante l'orario scolastico, le notifiche vanno disabilitate.

Ogni istituto ha poi la libertà di dotarsi di un regolamento interno. In generale:

  • Durante le lezioni non si possono scattare foto o realizzare video.
  • Durante una verifica lo smartphone è tabù.
  • Durante le pause, cerca di limitare l'uso dello smartphone. Meglio giocare e divertirsi con i compagni di classe.

Spiega le ragioni di queste regole a tuo figlio, in modo che non vengano vissute come un'imposizione dall'alto, ma interiorizzate in modo sincero. È importante trasmettergli il rispetto per gli insegnanti, facendogli capire che il lavoro che stanno svolgendo merita la massima attenzione. Lo smartphone è una fonte di distrazione che può compromettere seriamente il lavoro svolto in orario scolastico.

Conclusioni

La Netiquette è un requisito fondamentale della vita online che spesso dimentichiamo a scapito della nostra sicurezza. Spiega al tuo bambino che anche in Internet vigono regole di buona educazione e rispetto per gli altri. Preparalo ad affrontare situazioni spiacevoli, che prima o poi incontrerà sul web, e fai in modo che diventi un buon esempio anche per i suoi amichetti. Anche l'uso ragionato di smartphone e tablet in pubblico o a scuola fa parte dell'educazione digitale dei più piccoli. Se sei alla ricerca di ulteriori informazioni sul tema dell’educazione digitale per adulti e bambini, scarica gratuitamente il nostro PDF.

Riferimenti bibliografici

[1]  https://www.wired.it/mobile/app/2016/10/21/le-chat-piu-sicure-per-la-privacy/
(consultato in data 06.08.2019)

[2]  http://www.educhiamoaldigitale.it/2018/03/12/galateo-del-signor-internet-10-regole-buona-condotta-bambini/
(consultato in data 06.08.2019)

[3]  https://www.generazioniconnesse.it/_file/documenti/Vademecum/2016/impaginato%20vademecum.pdf
(consultato in data 06.08.2019)

[4]  https://www.skuola.net/scuola/smartphone-classe-decalogo-linee-guida-docenti-studenti-scuola.html
(consultato in data 06.08.2019)

Immagini tratte da:

iStock.com/grinvalds
iStock.com/Deagreez
iStock.com/Kerkez
iStock.com/skynesher