Insegnare a leggere giocando: dei bambini dell’asilo osservano un libro di immagini.

Consigli e giochi per imparare a leggere in età prescolare

Il processo per imparare a leggere comincia già all’asilo. I bambini scoprono l’ambiente che li circonda e sono affascinati dalle lettere e dai simboli. Dai 5 ai 6 anni, l’acquisizione linguistica è già completa e la consapevolezza fonologica viene ulteriormente sviluppata. Questa abilità permette ai bambini di riconoscere i suoni, acquisire il senso del ritmo e della cadenza della lingua, separare le parole in sillabe e formare le rime. Questi sono tutti requisiti fondamentali per imparare a leggere. Ti mostriamo quindi alcuni esercizi per accompagnare il tuo bambino durante il suo processo di apprendimento della lettura attraverso i giochi con le lettere e le parole.

Imparare a leggere giocando: riconoscere i suoni e le lettere

Una delle prime cose da fare prima di iniziare a leggere è quella di imparare a riconoscere i suoni e le lettere. I bambini in età prescolare mostrano un certo interesse verso le lettere e cominciano a distinguerle. Perché dunque non incoraggiare questa curiosità proponendo dei giochi di lettura e dei giochi linguistici?

Indovina cosa comincia con

“Indovina cosa comincia con” è un gioco perfetto per imparare e capire il suono delle singole lettere. Basta infatti collegare un oggetto attorno a voi alla lettera corrispondente, per esempio, “indovina cosa comincia per N”. Per individuare l’oggetto, il bambino dovrà prima riconoscere il suono e poi collegarlo alla parola corrispondente.

AttenzioneAssicurati di pronunciare secondo l’alfabeto fonetico, quindi, “s” e non “esse” o “m” e non “emme”. Così, il tuo bambino potrà allenare il suo orecchio ai suoni.

AttenzioneAssicurati di pronunciare secondo l’alfabeto fonetico, quindi, “s” e non “esse” o “m” e non “emme”. Così, il tuo bambino potrà allenare il suo orecchio ai suoni.

Dare forma alle lettere

Per favorire maggiormente l’acquisizione dei suoni, puoi dare forma alle lettere corrispondenti in modo giocoso assieme al tuo bambino. Modellate una lettera con la plastilina o disegna i contorni delle lettere che tuo figlio potrà poi colorare. Questo esercizio non farà altro che assegnare un suono ad ogni lettera.  Anche leggere ad alta voce può essere molto d’aiuto a questo scopo.

Il gioco di memoria per collegare le lettere alle immagini

Il gioco del memory è davvero amato dai più piccoli e può aiutare moltissimo i bambini ad imparare a leggere. Per questo gioco, hai a disposizioni diverse varianti.

Variante 1 - La ricerca delle coppie

Forma delle coppie con dei foglietti e mettili a faccia in giù sul tavolo. Le coppie possono essere formate da lettere maiuscole e minuscole o da una lettera e un’immagine. Il tuo bambino deve girare le due carte allo stesso tempo e cercare le lettere o le immagini corrispondenti.

Variante 2 - Memorizzare gli oggetti

Raccogli alcuni oggetti e poggiali su un tavolo. Il bambino deve memorizzare il maggior numero di oggetti nel minor tempo possibile. Una volta scaduto il tempo, copri gli oggetti con un panno. Lascia quindi che il bambino ti descriva gli oggetti utilizzando parole che iniziano con una lettera che avete deciso prima di cominciare a giocare. Ad esempio, se all’inizio è stato deciso di usare parole che iniziano con la “G,” allora, un contenitore potrà essere descritto come “giallo” o “grande”.

Consigli per imparare le lettere più difficili

Alcune lettere sono più difficili da riconoscere rispetto ad altre: ne sono un esempio la lettera “F” e la lettera “V”. Per aiutare il tuo bambino a identificare più facilmente queste due lettere, prova questo esercizio:

  1. Metti alcuni batuffoli di cotone uno vicino all’altro sul tavolo oppure dei foglietti di carta.
  2. Chiedi al tuo bambino di pronunciare il fonema “V” vicino ai batuffoli o ai foglietti e osservare cosa succede. Il batuffolo di cotone non si muoverà.
  3. Chiedigli adesso di rifare la stessa cosa pronunciando il fonema “F”. Il batuffolo di cotone o il biglietto si sposterà facilmente.
  4. Cercate adesso le parole che cominciano con “F” e “V” e confrontatele per osservare le differenze.
Imparare a leggere bambini dell’asilo: un bimbo gioca con delle lettere fatte in legno.

Anche il fonema “S” può essere confuso facilmente con il fonema “Z”. In questo caso, puoi esercitarti nella pronuncia di queste lettere in questo modo:

  1. Fai sdraiare il tuo bambino per terra con gli occhi chiusi.
  2. Adesso scegli se bombire (verso dell’ape “sss...”) o ronzare (verso del calabrone “zzz…”)
  3. Se fai il verso dell’ape il tuo bambino potrà lasciarti avvicinare, nel caso del calabrone dovrà invece scappare.

SuggerimentoIl canto può aiutare il tuo bambino a capire quali siano le differenze tra vocali e consonanti. Puoi infatti cantare le vocali insieme a tuo figlio, mentre non puoi fare la stessa cosa con le consonanti.

SuggerimentoIl canto può aiutare il tuo bambino a capire quali siano le differenze tra vocali e consonanti. Puoi infatti cantare le vocali insieme a tuo figlio, mentre non puoi fare la stessa cosa con le consonanti.

Sillabare giocando

Una volta che il tuo bambino riesce a collegare i suoni alle lettere, è arrivato il momento di fare un altro piccolo passo in avanti verso l’apprendimento della lettura: la divisione delle sillabe. È così che i bambini sviluppano il senso della lunghezza di una parola.

Dei bambini dell’asilo battono le mani per la divisione in sillabe.

Un gioco molto utilizzato è quello del battere le mani ad ogni sillaba. Basta scegliere una parola, all’inizio con poche sillabe e poi via via più lunga. Pronuncia la parola scandendo le sillabe e batti le mani assieme a tuo figlio ad ogni divisione. Invece di battere le mani, è anche possibile utilizzare una pallina da lanciarvi avanti e indietro ad ogni sillaba.

Un’altra variante è il puzzle delle sillabe. Ti basterà stampare un’immagine contenente un oggetto e ritagliarla in tanti pezzi quante le sillabe della parola. Per esempio, l’immagine del sole verrà divisa in due parti come le sillabe SO-LE. Il bambino dovrà poi ricostruire l’immagine, esercitandosi non solo nella divisione in sillabe ma anche nella lettura.

Imparare il suono delle parole con il canto e le rime

Un ulteriore passaggio importante per imparare a leggere è quello di capire il significato delle parole. Per rendere l’apprendimento un po’ più divertente utilizza delle carte. Scegli parole che appartengano a un’area tematica particolarmente interessante per il tuo bambino. Ad esempio, se tuo figlio è un amante degli animali crea allora delle carte che li raffigurino e realizzane altrettante con il nome degli animali corrispondenti. Mescola le carte e chiedi al tuo bambino di collegare i nomi degli animali all’immagine corrispondente.

Per aiutare tuo figlio a dare il giusto suono alle parole, puoi anche organizzare dei giochi in rima da fare insieme. Per questo non hai bisogno di particolari strumenti ma solo di un po’ di fantasia. Comincia tu nominando una parola, poi è il turno del tuo bambino che dovrà trovare una parola che fa rima e così via alternandovi. Il gioco continua fino a quando non vi vengono più in mente altre rime.

Oltre ai giochi in rima, ci sono anche tantissime filastrocche che puoi recitare con il tuo bambino. Ecco alcuni esempi:

Le vocali
A di albero con la chioma
E di elefante che gira in zona,
I di indiano con le penne
O di orologio che avanza perenne
U di ufo con tante antenne!
Cinque sono le vocali
che alle parole metton le ali!

Gli
Suona la sveglia! Calzamaglia e maglione
e scendo giù a far colazione,
sulla tovaglia tutto è perfetto,
miglio, vaniglia e inzuppo il cornetto!

Filastrocca delle dita
POLLICE è il più bello
INDICE è monello
MEDIO è lungo lungo
L’ANULARE fa da fungo
AL MIGNOLINO che di tutti è il più piccino

CheckFai assieme al tuo bambino esercizi di lettura e giochi linguistici su base regolare e varia i giochi in modo da tenere alto l’interesse di tuo figlio per l’apprendimento.

CheckFai assieme al tuo bambino esercizi di lettura e giochi linguistici su base regolare e varia i giochi in modo da tenere alto l’interesse di tuo figlio per l’apprendimento.

Conclusioni

Prima di iniziare a leggere, i bambini devono capire i suoni, le lettere e le parole. Con alcuni giochi linguistici puoi introdurre tuo figlio alla lettura già in età prescolare. Per i bambini più grandi, ci sono tantissimi giochi di lettura che possono fare da soli e che possono essere integrati facilmente nella vita quotidiana per migliorare la loro abilità di lettura. È questo il modo migliore per suscitare l’interesse di tuo figlio verso la lettura.

Riferimenti bibliografici e approfondimenti:

https://www.familyzone.it/bambini/insegnare-lettere-bambini/
(consultato in data 13.07.2021)

https://www.odipa.it/la-consapevolezza-fonologica/
(consultato in data 13.07.2021)

https://www.ausiliotecafirenze.org/cred/area-linguistica/157-mi-piace-leggere-memory-per-immagini-e-parole.html
(consultato in data 13.07.2021)

https://www.ieled.it/come-produciamo-i-suoni-i-suoni-fricativi-f-e-v/
(consultato in data 13.07.2021)

https://giovanilettori.com/insegnare-a-leggere-ai-bambini-dalle-lettere-alle-parole/
(consultato in data 13.07.2021)

http://www.homemademamma.com/2019/01/10/i-puzzle-per-imparare-le-divisione-in-sillabe/
(consultato in data 13.07.2021)

https://www.robertosconocchini.it/discipline-italiano/6488-filastrocche-inedite-su-sillabe-vocali-suoni-numeri.html
(consultato in data 13.07.2021)

https://www.cosedamamme.it/2017/03/23/filastrocche-sulle-dita-della-mano/
(consultato in data 13.07.2021)

Immagini tratte da:

iStock.com/FatCamera

iStock.com/Liderina

iStock.com/ilmoro100

iStock.com/nilimage