Primo corredino da neonato – Consigli ed esperienze dirette

Lista nascita – Parliamone con due genitori

Hurra! La cicogna è in viaggio e la famiglia è pronta ad allargarsi! Per non farsi trovare impreparati in un momento così ricco di novità e cambiamenti, consulta il nostro articolo e scopri tutti i consigli per preparare una lista nascita a regola d’arte. Qui trovi anche il parere di due genitori che hanno già avuto a che fare con l’arrivo di un bebè in famiglia. Fai tesoro dei consigli di altri neogenitori e affronta con serenità i duri mesi che hai davanti a te!

Nella nostra intervista abbiamo chiesto a Sara e Daniele di condividere con noi la loro esperienza personale. Sara è mamma di due bambini di tre e quattro anni, mentre Daniele ha due figli di uno e tre anni. Nell’intervista ci hanno raccontato quali sono, secondo loro, i must have del primo corredino, dando così ai futuri genitori qualche utile consiglio per affrontare al meglio l’arrivo di un nuovo membro della famiglia.

Quando avete iniziato a preparare la lista nascita?

Sara: Abbiamo iniziato relativamente tardi. Diciamo 5/6 mesi prima della data prevista per il parto. La decisione era dovuta ad esperienze personali, la mia forma mentis e tutta una serie di superstizioni. Conosco però tante altre mamme che iniziano a fare acquisti non appena scoprono di essere incinte e che si adoperano immediatamente per allestire la cameretta del bebè.

Daniele: Anche noi abbiamo iniziato nel secondo trimestre. Parenti e amici ci avevano però già regalato diverse cose e in effetti non ci rimaneva ancora molto da comprare.

Cosa vi ha guidato durante i vostri acquisti?

Sara: Per me è stato come ritrovarmi in una terra inesplorata! Per prima cosa mi sono informata e ho letto libri e riviste per capire cosa fosse indispensabile per un neonato. In Internet ho trovato una lista nascita preimpostata che mi ha aiutato moltissimo. Una volta chiaritami le idee su cosa fosse necessario, ho iniziato a leggere recensioni e articoli, confrontando i diversi prodotti sul mercato.

In particolare, ho controllato che si trattasse di articoli pratici e funzionali, oltre che di buona fattura, e che potessero durare anche col passare del tempo. Ad esempio: nella scelta delle sedie ho preferito un set che potesse durare dalla nascita del bambino fino ai primi anni di vita. Anche per quanto riguarda il lettino ho puntato tutto sulla funzionalità. Ho scelto un modello che potevo facilmente avvicinare al letto e che fosse dotato di una pratica apertura laterale con cerniera. In questo modo potevo avere il mio bambino vicino a me, senza però farlo dormire nel lettone di mamma e papà. Di notte potevo prendere in braccio mio figlio e tranquillizzarlo, senza essere costretta ad alzarmi.

Daniele: Siamo partiti dall’idea di non comprare molti nuovi prodotti. Come detto, moltissime cose ci sono state regalate o le abbiamo potute comprare di seconda mano. Abbiamo avuto la fortuna di poter prendere in prestito molti articoli da amici e conoscenti, che poi abbiamo restituito una volta che il bambino è cresciuto.

Corredino per la nascita - Body in cotone biologico

Per quanto riguarda la qualità, a cosa avete prestato maggiore attenzione?

Sostenibilità e rispetto ambientale nella scelta dei prodotti

Sara: Personalmente ho cercato di privilegiare prodotti di qualità soprattutto quando si trattava di acquisti importanti, come ad esempio il lettino o il seggiolone.

Anche per il seggiolino dell’auto e la carrozzina abbiamo dato precedenza alla qualità piuttosto che al prezzo. Volevamo essere certi che il nostro bambino non corresse alcun tipo di rischio. Ma molti altri prodotti li abbiamo acquistati di seconda mano. Trovo giusto che alcune cose possano essere riutilizzate e non vengano buttate via dopo pochi mesi.

Daniele: La sostenibilità è stato l’elemento chiave dei nostri acquisti. Abbiamo cercato di comprare soprattutto cose usate per ridurre la diffusione di prodotti usa e getta. Tutto quello che invece aveva a che fare con la cura del corpo, non doveva avere profumi o contenere prodotti chimici. La pelle dei neonati è delicatissima e merita prodotti per l’igiene naturali e privi di microplastiche. Abbiamo anche cercato di acquistare solo vestitini in cotone biologico. Si tratta di un materiale che fa bene al bambino e all’ambiente.

Quali sono stati i vostri must have?

Entrambi i genitori hanno redatto una lista per il corredino del neonato con i prodotti a cui non volevano rinunciare:

I must have di Sara:

  • Un mangiapannolini con comuni sacchetti della pattumiera al posto delle costose ricariche (funziona alla perfezione!)
  • Fascia porta bebè (sia io che il mio bambino ci siamo trovati benissimo).
  • Cuscino per neonati (può essere utilizzato per il pisolino, ma anche durante i mesi della gravidanza; è un pratico appoggio sia per i primi mesi di vita, sia per quando il bambino sarà un po’ più cresciuto, ad esempio per guardare la tv o stare più comodi sul divano).
  • Sistema di fissaggio del seggiolino per l’auto = Sistema Isofix (praticissimo: la navicella si aggancia velocemente al supporto e non bisogna piegarsi per allacciare ulteriori cinture)
  • Body neonato con apertura a portafoglio (molto più pratico dei modelli che si devono infilare dalla testa, soprattutto se il pannolino è pieno e il bambino si è sporcato).

I must have di Daniele:

  • Busta per pannolini lavabili e salviette (perfetta per quando si è in giro, non escono gocce).
  • Pannolini riutilizzabili (pratici e belli da vedere!)
  • Fascia porta bebè (leggera ed elastica - comodissima da indossare).
  • Strofinacci in cotone (imbevuti d’acqua sostituiscono senza problemi le salviettine profumate.)

L’acquisto peggiore che avete fatto?

Sara: L'acquisto più inutile è stata la quantità infinita di creme e prodotti per la cura del corpo che spesso si vedono tra gli scaffali dei negozi o che si ricevono in regalo. Anche la buggy board per il fratellino non si è dimostrata pratica e non l’abbiamo quasi mai utilizzata. Non includerei quindi questi prodotti tra gli indispensabili dei corredini per neonati.

Daniele: Per proteggere il nostro bambino ed evitare che si procurasse lividi o ferite, abbiamo aggiunto dei paraspigoli ai mobili di casa. Si è trattato di una spesa inutile. I nostri bambini non hanno quasi mai urtato contro i mobili e, al contrario, si sono divertiti molto nello smontare le nostre protezioni.

Qual è stato il regalo più gettonato?

Sara: Ho ricevuto moltissimi prodotti per la cura del corpo, che in realtà si sono dimostrati meno utili di quanto pensassi. È stato solo con il passare degli anni che ho capito di cosa avesse veramente bisogno il mio bambino. Mi hanno regalato anche diversi album fotografici, che però non sempre ho avuto occasione di usare e riempire con delle foto. In realtà credo sia una bella idea regalo, ma le neomamme raramente trovano il tempo da dedicare a questo tipo di attività e sicuramente non possono occuparsi contemporaneamente di cinque album di foto.

Daniele: Abbiamo ricevuto soprattutto vestitini. Calzini, cappellini e body sono stati i prodotti più gettonati. Non abbiamo così dovuto preoccuparci troppo di questo aspetto quando abbiamo preparato il corredino. Purtroppo, ci siamo ritrovati ad avere alcuni abiti di dimensioni non adatte alla stagione. Il mio consiglio per chi deve scegliere un regalo per futuri genitori: pensate a quanto sarà grande il bambino nella stagione in cui indosserà il vostro abitino! Non è una cattiva idea, ad esempio, regalare un vestito che il bambino potrà indossare solo tra un anno. I genitori possono riporlo nell’armadio ed essere già pronti per quando i tanti regali ricevuti non andranno più bene.

Cosa avete fatto con i prodotti di cui non avete avuto bisogno?

Sara: I vestiti che sono risultati troppo piccoli per mio figlio, li ho regalati ad altri amici. Ma la maggior parte degli altri prodotti li ho lavati per bene e messi in una scatola che è finita in soffitta. Avevo già in programma una seconda gravidanza. Anche gli acquisti più importanti, come il lettino, il seggiolone o la carrozzina, li ho conservati in attesa del secondo figlio. Dopo la nascita del mio secondo bambino, abbiamo venduto tutto (su eBay Annunci, Subito e Babyvez).

Daniele: Anche noi abbiamo cercato di fare scelte sostenibili. Abbiamo regalato o restituito le cose prese in prestito ad amici e conoscenti. I bambini crescono così rapidamente che è quasi d’obbligo regalare o prestare gli abitini dei primi anni di vita.

Un corredino neonato estivo con body a maniche corte

Avete ancora qualche ultimo consiglio per i futuri genitori?

Sara: Per le passeggiate in autunno e inverno, o per le giornate di pioggia, consiglio di comprare una luce per la carrozzina. Nei mesi invernali inizia a fare buio già a partire dalle 17:00. Durante queste passeggiate con il mio bimbo mi sono resa conto che le auto facevano fatica a vederci. Soprattutto quando dovevo passare tra le macchine parcheggiate o attraversare la strada. La carrozzina si trova poi davanti al genitore che la spinge, ed è quindi più esposta ai rischi. Per questo mi sono procurata subito una buggy light. Spesso ho incrociato altre mamme o semplici passanti che mi facevano notare che la mia luce era un’ottima dea.

Daniele: Onestamente? Il 95% dei prodotti pensati per la cura del corpo non servono. Acqua e una crema naturale sono stati la chiave del nostro successo. Quando ci si trova nei reparti dedicati a questi articoli, si vedono centinaia di creme, lozioni e confezioni di borotalco. Si entra in confusione e non si sa più cosa scegliere. Il mio consiglio: comprate prodotti naturali. Creme prive di sostanze chimiche, acqua e un body in cotone biologico sono più che sufficienti.

Conclusioni

Ogni famiglia ha i suoi criteri per quanto riguarda la preparazione dell’occorrente necessario per un nuovo arrivo, dal corredino per neonato fino all’allestimento della cameretta. Sostenibilità e rispetto per l’ambiente sono ormai diventati un diktat indiscutibile. I consigli di amici e parenti che hanno già dovuto affrontare queste scelte possono essere di grande aiuto, oltre che un’ottima fonte di prodotti di seconda mano. Risparmierai così tempo e denaro, e potrai approfittare della loro esperienza diretta. Se invece devi fare un regalo: parlane con i futuri genitori e chiedigli di cosa hanno realmente bisogno. Eviterai così doppioni o prodotti indesiderati. Non ti resta che divertirti a dar vita al corredino del bebè in arrivo!

Immagini tratte da:

iStock.com/alvarez