shop.global.1
Filtro
La Mia Selezione
Colore
Taglia EU
Marca
Collo
SleeveLengthId
Fantasia
Occasione d'uso

Abiti formali

190 Prodotti
Seleziona la vista delle immagini
  • 1
  • 2
  • ...
  • 4
Torna su

Dall'abito uomo si misura la tua classe innata

Quando si parla di abito da uomo, si evoca una dimensione fatta di grandi classici della moda maschile: capi senza tempo che non si piegano all'avvicendarsi delle tendenze, pur essendo reinterpretati e modernizzati di volta in volta, e risultano sempre perfetti per ogni occasione formale. Nel guardaroba maschile non deve mancare almeno un abito uomo o più completi da abbinare, su cui ricade la scelta nel caso di cerimonie, eventi e appuntamenti importanti in cui è necessario apparire impeccabili. Scegliere il giusto abito da uomo, quindi, comporta più di una considerazione, se l'obiettivo è quello di ottimizzare l'acquisto e massimizzare il risultato in termini di fascino ed eleganza. Ma procediamo con ordine: l'abito uomo è composto da una giacca, un paio di pantaloni, coordinati o meno, a seconda che si tratti di completi o spezzati, che si accostano a una camicia elegante o semi sportiva, eventualmente corredata di cravatta. A questi pezzi base si aggiungono svariati accessori complementari, come i gemelli sui polsini della camicia, la pochette o fazzoletto da taschino e il papillon, o farfallino, che sostituisce la cravatta negli abbinamenti vintage chic. Quando scegli un abito uomo, non trascurare poi altri criteri fondamentali come il colore, il taglio, la vestibilità e lo stile del vestito.

Set completo o blazer e pantaloni coordinabili?

La prima grande distinzione da tenere sempre a mente è quella tra set completo e giacche e pantaloni da coordinare. In generale, l'abito uomo raffinato per eccellenza, indicato per le occasioni formali, è il completo, formato da due, tre o quattro pezzi, a seconda della presenza di gilet e camicia inclusi nel set. Lo spezzato, invece, cioè l'abbinamento personalizzato di un blazer e pantaloni coordinabili, si candida solitamente a vestire in situazioni intermedie, non estremamente formali, ma neppure decisamente casual. Un altro fattore in grado di dare una precisa fisionomia all'abito da uomo è la sua tonalità. Sebbene non esista il colore ideale, vi sono alcune tinte che valorizzano al meglio l'abbigliamento in alcuni contesti. Il nero è solitamente considerato il più elegante, non a caso scelto in modo quasi esclusivo per tight e smoking. Altre tonalità come l'antracite e il blu scuro, al contrario, sono da considerarsi più versatili. Sia che tu necessiti di un abito uomo da indossare in ufficio, sia che stia cercando un abito da uomo per un invito a una cerimonia come un matrimonio, il grigio è un'opzione flessibile e di sicuro impatto. Se l'evento si svolge nella bella stagione e in un'ambientazione di tipo bucolico, hai l'opportunità di variare rispetto al solito ventaglio di tonalità scure, sfoggiando un abito uomo spezzato o coordinato in tenui sfumature pastello, come celeste, rosa pallido e ocra. Gli amanti del blu hanno a disposizione la variante gessata che si accompagna a un'aura di eleganza sofisticata, mentre chi predilige i marroni trova ciò che cerca nei completi uomo in lana e tweed.

Completo slim fit, completo tailored fit e completo body fit: le differenze

Una volta definito il tipo di abito da uomo tra completo e spezzato e definito il colore verso cui orientarti, è giunto il momento di scegliere tra i vari tagli a disposizione. La linea del tuo abito uomo deve esaltare i punti forti della tua corporatura, sia essa sottile o robusta, di statura normale o slanciata, regalandoti un aspetto smagliante. Per assicurarti che il vestito ti cada a pennello, comincia dal valutare la vestibilità delle spalle, un punto cruciale del modello, in quanto devono consentire alla manica di scendere liberamente lungo i fianchi, senza che risulti però gonfia e larga. Passa, quindi, a considerare il tipo di abbottonatura. Che tu propenda per un monopetto pulito ed essenziale o un versatile doppiopetto, la giacca deve allacciarsi senza sforzo e restare comoda anche da seduto. Veniamo, a questo punto, ai fit dell'abito uomo. A cosa ci riferiamo esattamente? Fit è la parola inglese per indicare la vestibilità del completo e si declina in una serie di gradazioni che vanno dal regular allo slim. Il completo regular fit corrisponde al taglio tradizionale, strutturato e austero, che impone una linea dritta e non fasciante sia alla giacca, spesso dotata di spalline imbottite, sia al pantalone, che copre almeno parzialmente la scarpa. Il taglio regular dona soprattutto ai fisici robusti, di cui esalta la solidità senza evidenziarne troppo le proporzioni. Taglio slim, invece, significa modello aderente: in questo caso il vestito maschile si adatta con i suoi contorni a quelli del corpo di chi lo indossa, prevedendo un taglio solitamente sciancrato per la giacca e una vita bassa per il pantalone, da fissare con una cintura. Il tailored e body fit, invece, sono recenti evoluzioni di questi tagli basic. Il fit tailored si pone a mezza via tra la classicità del regular e la modernità dello slim, mentre il body fit rappresenta una versione ancor più attillata del completo da uomo slim fit. L'abito body fit segue centimetro dopo centimetro la figura maschile, avvolgendo come una seconda pelle e valorizzando al meglio corporature asciutte e atletiche, ma anche snelle e slanciate. A seconda del tipo di fisico in cui ti riconosci, scegli questa o quella vestibilità per essere sicuro che l'abito ti stia a meraviglia!